A2 – Empoli regola Carugate e conquista la terza vittoria in fila

0

Uno, due e tre: Mantova, Stella Azzurra e Carugate. L’Use Rosa Scotti mette in serie contro le lombarde la terza vittoria consecutiva, chiudendo con un netto 72-51 dopo una partita praticamente senza sbavature. Chi guarda la classifica potrà obiettare anche che non era forse l’avversario più difficile e che il calendario, in questa fase, ha dato una mano ma ridurre tutto a questa congiuntura sarebbe ingeneroso. La verità è che, in un girone che somiglia più ad un’A1 che a un’A2 e che non pare nemmeno della stessa categoria dello scorso anno, la squadra di Alessio Cioni sta giocando un signor campionato stazionando nelle zone nobili della classifica e crescendo partita dopo partita. Un percorso nel quale risultati e vittorie ovviamente aiutano, specie se come quelle di stasera centrate con buona autorevolezza e con una prestazione corale di tutto rispetto dove nessuna spicca sulle altre ma dove tutte danno il loro, prezioso contributo.
Dopo un 7-0 a firma Stoichkova, Miscenko, Merisio la Scotti subisce un parziale e pare come una di quelle macchine che, prima di entrare davvero in gara, necessitano un po’ di rodarsi. Carugate piazza così un contro-break di 0-8 a cui coach Cioni risponde con un timeout che rimette ordine alle cose. Tornare un punticino avanti (9-8) con la firma di Castellani è importante, così come lo è Federica Merisio che piazza due triple trascinandosi dietro Villaruel: 21-15 al 10’. Un libero a testa di Ruffini e Patanè è l’inizio un po’ sonnecchioso della seconda frazione, con Alessio Cioni che, vedi sopra, richiama le sue ragazze ottenendo di nuovo il risultato sperato, un 5-0 di Patanè e Stoichkova che vale il 28-19, offuscato solo un po’ dal terzo fallo di Castellani. Con Carugate che litiga col tiro pesante (all’intervallo la squadra lombarda fa registrare un desolante 0/13), la Scotti affonda, giusto per andare tranquilla al riposo di metà partita. Ci pensano Miscenko e Villaruel a far sì che tutto vada secondo i piani sperati, col tabellone che segna 42-25 dopo venti minuti. Miscenko riparte con un canestro dopo rimbalzo offensivo e la tripla seguente di Patanè, oltre che il 5-0 di parziale, da l’ennesimo colpo psicologico alle lombarde che, se finalmente aggiustano la mira dall’arco, mai danno la sensazione di poter riagganciare le rivali. Forse solo in una fase la gara sembra quasi riaprirsi, ovvero dopo il 55-37 del 30’. L’ultimo tempino inizia infatti con uno 0-6 e, indovinate un po’, coach Cioni chiama timeout a cui segue un 9-0 con Castellani, Manetti, Villaruel e Miscenko che suggella la sua doppia/doppia. Partita in ghiaccio che viaggia fino al 72-51 finale.
Guardando un po’ avanti, non oltre il Natale, l’Use Rosa Scotti è attesa dalla gara interna di domenica prossima con Torino a cui seguiranno due gare difficilissime: la trasferta di Broni e il match interno con Derthona. Tre partite che daranno risposte importanti. Intanto testa a Torino, sognando il poker.

72-51

USE ROSA SCOTTI
Fiaschi, Castellani 6, Ruffini 1, Patanè 8, Stoichkova 6, Merisio 10, Avonto, Villaruel 14, Manetti 11, Antonini 1, Miscenko 15, Chelini. All. Cioni (ass. Ferradini/Giusti)

DIMENSIONE BAGNO CARUGATE
Usuelli 14, Rulli 12, Cassani 5, Carmeli 6, Caccaialnza 3, Andreone, Fabbricini, Nespoli 8, Faroni 3, Rizzi ne. All. Silvestri (ass. Brambilla/Alieri)

Arbitri: Alessi di Lugo di Romagna e Cieri di Ravenna

Parziali: 21-15, 42-25 (21-10), 55-37 (13-12), 72-51 (17-14)

Le statistiche della partita:
https://www.legabasketfemminile.it/MatchStats.aspx?ID=301&MID=52084

Marco Mainardi

Ufficio Stampa Use/Use Rosa