A2 – Il finale in volata condanna il Sanga, vince Sarcedo

Basket Sarcedo – Il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano 64 – 63

di La Redazione

Basket Sarcedo – Il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano 64 – 63 (19-19, 30-31, 49-44, 64-63)

BASKET SARCEDO: Viviani 3 (0/5, 1/4), Mandic* 13 (5/8, 0/2), Battilotti* 4 (2/5 da 2), Carollo, Fumagalli* 5 (1/2, 1/2), Garzotto, Meggiolaro NE, Merlini 3 (1/1 da 2), Santarelli* 11 (4/4, 1/3), Pieropan* 25 (5/20, 3/7)
Allenatore: Zimerle A.
Tiri da 2: 18/46 – Tiri da 3: 6/18 – Tiri Liberi: 10/17 – Rimbalzi: 39 11+28 (Fumagalli 8) – Assist: 14 (Santarelli 5) – Palle Recuperate: 7 (Santarelli 4) – Palle Perse: 8 (Mandic 2)
IL PONTE CASA D’ASTE SANGA MILANO: Toffali* 14 (6/11, 0/4), Novati* 13 (2/4, 3/7), Cicic 1 (0/1, 0/3), Guarneri* 9 (4/5 da 2), Beretta* 14 (4/6, 2/6), Dell’Orto, Mandelli 3 (1/2 da 3), Pagani NE, Meroni 5 (2/3 da 2), Quaroni* 4 (1/4 da 2), Angelini NE, Stilo NE
Allenatore: Pinotti U.
Tiri da 2: 19/35 – Tiri da 3: 6/23 – Tiri Liberi: 7/11 – Rimbalzi: 39 6+33 (Novati 9) – Assist: 13 (Quaroni 3) – Palle Recuperate: 3 (Meroni 2) – Palle Perse: 15 (Toffali 3) – Cinque Falli: Novati
Arbitri: Bertuccioli N., Di Pinto F.

A Sarcedo arriva un’altra beffa all’ultimo secondo per le ragazze de Il Ponte Casa d’Aste che al termine di una partita emozionante si vedono
sconfitte per 64-63. Una partita in equilibrio fino all’ultimo quarto quando le padroni di casa piazzano lo strappo; alle Orange il merito di
aver tenuto viva la partita e probabilmente qualche rimpianto per la gestione dell’ultimo possesso che sarebbe potuto valere la vittoria.

Prima frazione frizzante per entrambe le squadre che giocano senza occupare eccessivamente l’area. Il primo acuto è targato Sanga grazie ai
canestri di Guarneri e Toffali che portano sul 4-0 le Orange. Fino al 7’ il canovaccio tattico è fatto di azioni fluide da entrambe le parti con
gli attacchi che hanno ragione sulle difese. Coach Zimerle decide quindi di mischiare le carte schierando a zona le padroni di casa. In un primo momento la scelta sembra pagare con Sarcedo che va in vantaggio e coach Pinotti, che deve far a meno di capitan Guarneri a causa di una leggera distorsione alla caviglia, costretto a chiamare timeout. Dopo la sospensione torna l’equilibrio e la prima frazione si chiude sul 19
pari.

Secondo periodo che riprende i ritmi del primo con le Orange che provano a scappare grazie ai canestri di un’ispirata Novati e le padroni di casa che per togliere ritmo alle avversarie si piazzano nuovamente a zona alternando 3-2 a 2-3 mentre, nella metà campo offensiva, si appoggiano su Mandic in attacco che riesce a creare più di un grattacapo alla difesa meneghina, portando anche alla scelta di coach Pinotti di alzare il quintetto reinserendo Guarneri in contemporanea con Meroni.

Nel secondo tempo il Sanga decide di rimanere con il quintetto alto che meglio ha saputo reagire alla prolungata difesa a zona di Sarcedo. Le
milanesi sembrano controllare il ritmo della partita e conducono grazie anche ad un parziale firmato Toffali-Mandelli (38-44). Coach Zimerle
chiama time out, ma al rientro un nuovo acciacco di Guarneri spezza la fluidità del Sanga e Sarcedo, con un parziale di 11-0, frutto di
incredibili palle perse, si riporta in vantaggio sul 49-44.

L’ultimo quarto sembra favorire le padroni di casa che scappano velocemente sul + 8: la partita è frenetica e le milanesi sono brave a
non mollare la presa grazie a Novati, Toffali e Beretta, presentandosi a 1 minuto dalla sirena sotto di un punto, quando Mandic va in lunetta
portando le padroni di casa sul 64-61 a 19 secondi dal termine. Le Orange cercano il tiro rapido da due che però è corto e nella carambola
che ne deriva la palla va alle ragazze di coach Zimerle, che chiama timout. Le tigri però non si arrendono e Toffali è bravissima a rubare
palla e a segnare due punti veloci. Fumagalli ai tiri liberi fa 0-2 e così le ospiti hanno la possibilità di segnare il canestro della
vittoria. Toffali si prende la responsabilità e si procura un fallo in penetrazione, ma Sarcedo non è in situazione di bonus. La padroni di
casa riescono a mettere una buon pressione sulla rimessa forzando l’ennesima palla persa Sanga che vale la vittoria per Sarcedo.

Coach Pinotti a fine partita dichiara: “Onestamente sono deluso. Quindici palle perse letteralmente regalate per frenesia. Una partita che si doveva e si poteva vincere. L’avevamo rimessa in piedi ma ci è mancata la lucidità per il colpo di reni finale. Ora sarà durissima, ma avremo bisogno dell’apporto di tutte per tornare a sorridere.”

Uff.Stampa Sanga Milano

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy