A2 – Maratona a Milano: Sanga supera Sarcedo dopo due overtime

Il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano – Basket Sarcedo 95 – 87

di La Redazione

Il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano – Basket Sarcedo 95 – 87 (15-21, 30-41, 57-53, 73-73, 81-81, 95-87) d2ts

IL PONTE CASA D’ASTE SANGA MILANO: Toffali* 19 (7/13, 0/2), Di Domenico NE, Novati 12 (4/6, 0/5), Cicic* 29 (5/8, 6/10), Beretta* 19 (3/6, 3/10), Dell’Orto, Mandelli* 8 (1/3, 1/5), Pagani 3 (1/1 da 3), Meroni* 5 (2/2 da 2), Quaroni NE, Angelini NE, Stilo

Allenatore: Pinotti U.

Tiri da 2: 22/40 – Tiri da 3: 11/34 – Tiri Liberi: 18/26 – Rimbalzi: 55 12+43 (Cicic 20) – Assist: 21 (Mandelli 8) – Palle Recuperate: 8 (Novati 2) – Palle Perse: 20 (Novati 4) – Cinque Falli: Mandelli

BASKET SARCEDO: Viviani 12 (2/4, 2/3), Mandic* 8 (4/6, 0/2), Battilotti* 17 (8/12, 0/1), Fumagalli* 5 (0/3, 1/5), Garzotto, Meggiolaro 1 (0/2 da 2), Merlini NE, Belardinelli NE, Santarelli* 13 (2/6, 2/4), Pieropan* 31 (5/16, 3/10)

Allenatore: Zimerle A.

Tiri da 2: 21/49 – Tiri da 3: 8/25 – Tiri Liberi: 21/31 – Rimbalzi: 44 10+34 (Fumagalli 9) – Assist: 8 (Viviani 2) – Palle Recuperate: 10 (Viviani 2) – Palle Perse: 17 (Mandic 5) – Cinque Falli: Viviani, Mandic, Battilotti

Arbitri: Bernardo L., Del Gaudio A

Il Ponte Casa d’Aste vince 95-87 una partita incredibile contro Sarcedo, conclusa solo dopo due supplementari. Sanga Milano che ha vinto grazie ad una prestazione maiuscola di tutta la squadra (4 ragazze in doppia cifra), in cui la ciliegina sulla torta è stata la prestazione sontuosa di Karmen Cicic (29 punti e 20 rimbalzi). Per la formazione veneta non bastano, invece, i 31 punti della solita irresistibile Irene Pieropan.

EQUILIBRIO SOVRANO – Non soffrono la tensione le squadre in campo che, sin dai primi minuti, giocano l’incontro a viso aperto. Ad aprire le danze è la nuova arrivata Meroni: canestro e assist per Cicic per il momentaneo 4-3 Sanga. Sarcedo, però, è letale dall’arco con Santarelli e Pieropan; ma soprattutto fa soffrire maledettamente sotto i tabelloni le ragazze di coach Pinotti, costretto al time-out sul 6-8 a 6’51’’. Il parziale si allunga in favore delle ospiti con l’ennesima tripla, questa volta firmata da Viviani, che segna il massimo vantaggio Sarcedo (+7) sul 6-13. Le Orange provano a rifarsi sotto, spinte da un Pala Giordani in versione ultras, trovando un contro-parziale di pura tenacia: a 1’ dal termine il punteggio è di 13-13, grazie alla penetrazione di Toffali. La squadra di coach Zimerle, però, ha un sussulto d’orgoglio guidato dalle “bocche da fuoco” per eccellenza Pieropan e Viviani: 15-21 a fine primo quarto.

SARCEDO IN FUGA – Il Ponte Casa d’Aste è tenuto a galla dalla solita grinta in penetrazione di Toffali, ma le lacune sotto i tabelloni fanno banchettare Battilotti e Mandic regalando a Sarcedo il massimo vantaggio (+8) sul 17-25 a 7’27’’ del secondo quarto. Milano non molla e rimane in scia delle avversarie, costringendo coach Zimerle al timeout sul 22-25, dopo la tripla centrale di Mandelli. È un elastico che si accorcia e si allunga in continuazione, senza che il Sanga possa trovare il modo di avvicinarsi definitivamente. Ancora una volta ci pensano Pieropan e Viviani (25 punti in due) a ricacciare indietro le ragazze meneghine: 28-37 a 1’30’’ dal termine del primo tempo, senza che l’emorragia possa fermarsi. Un duro scontro di gioco mette k.o. Novati, ennesima brutta notizia con cui si chiude il secondo quarto. Sarcedo chiude la prima frazione sul +11, 30-41.

RIMONTA SANGA – L’inizio di terzo quarto è tutt’altra sinfonia rispetto ai primi 10’ minuti di gioco. Cicic è il direttore d’orchestra di cui aveva bisogno coach Pinotti, mentre Beretta è il killer silenzioso che avvicina il Sanga: parziale di 9-0 e partita nuovamente sul filo dell’equilibrio sul 39-41. La rimonta è completata da Novati che, tornata in campo dopo lo scontro di fine primo tempo, si infila nella difesa avversaria e mette a segno il tap-in del 44-43 a 4’10’’ dal termine del quarto. Ora è Sarcedo a non trovare il bandolo della matassa, così è Beretta ad approfittarne col canestro dall’angolo che vale il +5 sul 52-47. Ora i tentativi di rimonta da parte delle venete sono ricacciati indietro dall’infallibile Cicic, che guida la formazione Orange al massimo vantaggio (+6). Il terzo quarto si chiude col Ponte Casa d’Aste avanti 57-53, grazie ad un parziale di 27-12.

TOFFALI SULLA SIRENA – Polveri bagnate in casa Sanga. Nei primi due minuti e mezzo, infatti, le ragazze di Pinotti non riescono a trovare la retina; così Sarcedo, grazie al libero di Pieropan, arriva sul -1 a 7’30’’ sul cronometro. Nei momenti decisivi, però, si fa trovare ancora una volta pronta Cicic che segna un canestro di puro talento, che vale il momentaneo 61-58 in favore delle Orange. Ora la partita si gioca sui singoli possessi: da una parte Novati si fa trovare pronta a centro area, dall’altra i tiri liberi di Pieropan e Santarelli. Siamo 65-62 a 3’39’’ dal termine del match. Ormai è uno scontro personale tra Cicic, letale dall’arco, e Pieropan, spina nel fianco dentro l’area: 71-69 e partita sul filo dell’equilibrio. Novati è costretta a forzare da lontanissimo, mentre in transizione Santarelli non perdona: canestro da tre punti che regala a Sarcedo il +1 (71-72) a 17’’ dalla sirena conclusiva. La partita sembra conclusa col tiro libero di Battilotti, ma sul ribaltamento di fronte la penetrazione di Toffali fa impazzire di gioia il Pala Giordani. 73 pari e tempi supplementari.

NON FINISCE QUI – La tensione si taglia con il coltello al Pala Giordani. Non tremano le mani di Beretta che, grazie a 5 punti consecutivi, fa volare il Ponte Casa d’Aste sul +3 sul 78-75. È la solita Pieropan, invece, a guidare Sarcedo e a tenere incollata la squadra veneta al match; così, a 29’’ dal termine del primo supplementare, il suo arresto e tiro impatta nuovamente sul 79 pari. Dalla lunetta è glaciale Toffali: 2/2 e palla in mano a Sarcedo per l’ultimo possesso sul vantaggio Sanga, 81-79. Palla in mano a Pieropan che, in penetrazione, gela la panchina Orange con un altro canestro fenomenale. Con 6 secondi sul cronometro, palla nuovamente a Toffali, ma stavolta il capitano fallisce. Secondo supplementare e ancora niente è deciso.

URLO DI GIOIA – La partita, ora, è tutta una questione di energie. Beretta e Novati non sbagliano dalla lunetta e regalano al Sanga il +4 (85-81) a 3’40’’ dal termine del secondo supplementare. La nostra numero 4 si porta sulle spalle il peso dell’attacco Orange e non delude le aspettative: canestro e fallo, 88-82 e partita virtualmente nelle mani milanesi. Sarcedo sembra non averne più, così il parziale de Il Ponte Casa d’Aste diventa il punto definitivo sul match. I canestri decisivi li firma Beretta, regalando un insperato +10 a 1’ dal termine della partita: 93-83 e si soffre ancora. E’ nuovamente Pieropan a tenere aggrappata alla partita Sarcedo, così – sempre dalla lunetta – la squadra di coach Zimerle si avvicina sul 93-87 a 17’’ dalla sirena finale. Il suggello finale arriva, in contropiede, da una Cicic versione extra-lusso. Le ragazze di coach Pinotti, dopo due tempi supplementari, possono urlare di gioia per la prima vittoria stagionale.

COACH PINOTTI – “Vittoria fondamentale per il morale. Senza Guarneri e Quaroni, pur con l’ottimo esordio di Meroni e una Cicic ”all a round”, è il gruppo squadra ad essere protagonista. Può essere la partita della svolta. Questa vittoria ci da la misura e la fiducia nei nostri mezzi. La dedico a Stefano Moretti. Possiamo solo crescere.”

Uff.Stampa Sanga Milano

Fotogallery a cura di Marco Brioschi

Novati

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy