A2 – Nico Basket, a tu per tu con Caterina Mattera

0

Un altro colpo di mercato importante della Nico Basket, che si appresta ad affrontare il quarto campionato di serie A2, dopo l’eccellente piazzamento della scorsa stagione, è sicuramente Mattera.

Caterina è cresciuta nella Cestistica Ischia per poi approdare nella massima serie a Battipaglia. Come Bacchini, vanta numerose presenze con le formazioni nazionali giovanili.

Come ti sei trovata alla Nico?
Sono arrivata da tre settimane e mi sono trovata molto bene. L’ambiente è accogliente e le compagne davvero super.

Cosa ti ha convinto a sposare il progetto?
Sono stata consigliata dal mio procuratore e mi è piaciuto subito il progetto perché incentrato sulle giovani. Era quello che cercavo e non ho avuto dubbi. Il mio obiettivo è ritrovare la motivazione che ho perso nell’ultima stagione. Dei 5 anni trascorsi a Battipaglia, l’ultimo è stato decisamente il peggiore e non a caso è arrivata la retrocessione. Avevo bisogno di cambiare e ho capito immediatamente che questa sarebbe stata la scelta giusta.

Quanto hai cominciato a giocare a basket?
A 10 anni ma sono nata e cresciuta sui campi di basket perché mia mamma ha giocato a lungo e adesso ricopre la carica di presidente della Cestistica Ischia.

Quando hai capito che avresti potuto giocare ad alti livelli?
Alla prima convocazione al Trofeo delle Regioni. A 13 anni ho partecipato al primo raduno della nazionale e da quel momento non ne ho mancato uno. Mi sono persa solo quello dell’under 18 a causa della rottura del legamento crociato.

Quanto lontano pensi che possa arrivare la squadra?
L’obiettivo è raggiungere i Playoff. Non li ho mai disputati quindi sarebbe un’esperienza nuova per me.

Qual è la tua migliore caratteristica?
Ho sempre giocato da 5. In serie A1 a volte giocavo da 4 ma preferisco stare vicina a canestro. Mi piace giocare per la squadra e sfruttare in maniera efficace i pick n’ roll.

E invece il tuo difetto più grande?
Sono troppo per il gioco sicuro. Devo credere in me stessa e osare di più. Sono sicura però che con le giuste motivazioni potrò continuare a crescere e migliorare. Sono carica e non vedo l’ora che cominci la stagione.

Quale numero hai scelto?
Il 20 perché è quello che ho sempre avuto sia in nazionale che nelle squadre in cui ho militato in passato. Me lo sono anche fatto tatuare sulla caviglia.

Quali sono i tuoi giocatori preferiti?
Tra i uomini LeBron James. Tra le donne Zandalasini e Olbis Futo Andrè, con cui ho giocato assieme tanti anni.


Uff.Stampa Nico Basket

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here