A2 Nord – PlayOut: Valmadrera riporta la serie in casa con una gara caparbia

0

Valmadrera può ancora sperare, vincendo sul campo dell’Assi Cremona in una gara 2 tiratissima, in cui entrambe le formazioni hanno più avuto paura di perdere che voglia di vincere. Dopo un primo quarto controllato dall’Assi, è Valmadrera a condurre per larghi tratti, fino all’espulsione di coach Gualtieri a 4 minuti dal termine, quando ormai le biancorosse sembravano aver preso in mano le redini della partita, convinte di aver ormai conquistato la salvezza. Ma proprio questa “frustrata”, in una partita giocata molto anche sul fisico, manda in crisi l’attacco cremonese e risveglia quello ospite, con una Scudiero che con 13 punti nel 2° tempo è la vera artefice della vittoria della Sea Logistic, conditi anche da 12 rimbalzi e 26 di valutazione con una doppia doppia di spessore. Miglior realizzatrice della partita è una Maffenini (21 punti) che però è stata molto altalenante nel corso della partita e con una Bona, mvp della prima partita, meno incisiva. Ora si torna in casa della Sea, per una gara 3 tutta da vivere.

Una gara dai mille volti, con l’Assi che inizia bene, conducendo per tutto il primo quarto anche con 6 punti di vantaggio, e con la Sea Logistic che chiude la prima frazione con una bomba di Bussola che fissa il risultato sul 14-11.

Il secondo quarto si apre nello stesso modo, con Valmadrera che inizia a chiudere la difesa diventando più aggressiva (la Piotrkiewicz già gravata di 3 falli al 15°) e riuscendo a portarsi in vantaggio per la prima volta sul 17-16. L’Assi reagisce, anche se la Maffenini non riesce ad essere incisiva, ma viene ben supportata dalla Colico. Punteggio in parità ancora sul 19-19, quando poi è Valmadrera a prendere le redini del gioco, arrivando all’intervallo sul 23-29. All’intervallo per l’Assi la Maffenini realizza 7 punti ma con meno del 40% dal campo, con l’intera squadra che invece si attesta ad un misero 28% (8/29, contro il 6/14 del primo quarto). Per Valmadrera è la Capiaghi la best scorer con 13 punti (44% dal campo), che ottiene anche la miglior valutazione del primo tempo (14). Da segnalare, all’inizio del 2° quarto, un fallo tecnico comminato a coach Gualtieri per proteste (lo stesso si difendeva asserendo che le proteste erano rivolte alle proprie ragazze, ma la coppia arbitrale non voleva sentir ragioni).

Al rientro dagli spogliatoi è sempre Valmadrera a condurre le danze, anche se la Manzi riprova più volte il recupero, arrivando anche sul -2, prima di essere condannata da una Scudiero in spolvero, che riesce a far chiudere la sua squadra ancora avanti all’ultima pausa sul 38-43. Il gioco inizia a farsi più nervoso, tanto è vero che i colpi bassi e le reazioni non mancano, scaldando gli animi anche sugli spalti di una Palestra Spettacolo piuttosto affollata.

Il canestro decisivo Nell’ultima frazione coach Anilonti decide di provare la carta della zon-press che mette in confusione l’attacco Lecchese, permettendo alle ragazze biancorosse di arrivare a tornare in vantaggio a 5:30 dal termine sul 44-43. Il break cremonese arriva fino al 47-43, anche grazie ai due tiri liberi segnati da Bona per il secondo fallo tecnico comminato al coach Gualtieri, che ne comportava l’allontanamento dal campo. A questo punto, nel momento di massima pressione da parte delle ragazze cremonesi, si ha la svolta della partita. Valmadrera torna a segnare e nel corso degli ultimi 3 minuti riesce a ribaltare una situazione che sembrava ormai sfuggita di mano, pareggiando sul 48 pari a meno di 2 minuti dal termine. A questo punto Cremona prova ad affrettare le soluzioni, lasciando sguarnita la difesa, in cui, a fatica, le ospiti riescono a trovare spazi per portarsi avanti. Punteggio di 50-52 a 30 secondi dal termine con Valmadrera in possesso di palla. E’ ancora Scudiero a realizzare il canestro del 50-54 che, praticamente, chiude la partita. Time out per coach Anilonti, ma nella successiva azione Maffenini sbaglia la conclusione. Rimbalzo catturato da Molteni che subisce fallo e fa 1/2 dalla lunetta con meno di 10 secondi da giocare. Questa volta è la Colico a mettere il canestro della speranza, ma, pur tentando di giocare con il fallo sistematico, la partita è ormai scappata di mano alle ragazze della Manzi, che vedono così spegnersi i sogni di chiudere il campionato, rimandando il verdetto di questa prima parte di play-out alla bella che si giocherà domenica prossima.

Manzi Cremona – Sea Logistic Valmadrera: 53-57 (14-11 / 23-29 / 36-43)

Manzi: Smaldone, Colico 8, Racchetti, Conti 2, Flauret n.e., Brusadin 3, Maffenini 21, Scarsi 2, Zagni 6, Bona 11. Allenatore: Anilonti.

Sea Logistic: Bussola 11, Capiaghi 13, Scudiero 17, Scibelli 4, Zucchi, Giunzoni 6, Molteni 6, Piotrkiewicz, Vujovic, Corneo n.e.. Allenatore: Gualtieri.

MVP BasketInside.com: Scudiero Sivia – 17 punti (7/9 da 2, 1/3 da 3, 12 Rimbalzi, 26 di valutazione)

Maffenini in azione

VISUALIZZA LA GALLERY COMPLETA A CURA DI MATTEO CASONI

IL COMMENTO DELLA PARTITA DA PARTE DEI DUE COACH

Coach Anilonti (Manzi Cremona): “Un grosso peccato perché potevamo sicuramente portarla a casa, nonostante durante tutta la partita abbiamo avuto grossi alti e bassi a livello di energia ed intensità. Troppa sufficienza a tre minuti e mezzo dalla fine, dove dovevamo gestire meglio il gioco ed invece, non so perché, ci siamo fatti prendere dalla frenesia di dover forzare o affrettare le conclusioni che ci hanno portato a due palle perse e prendere un tiro da 3 che assolutamente era fuori da ogni logica e siamo stati puniti. Direi che la mancanza di energia, che era un po’ il problema che per tutta la settimana avevo detto poteva darci problemi, ci ha fatto perdere. Ora in gara 3 sarà tutto più difficile anche perché noi con tre quarti della squadra andiamo all’interzona under 19 e pertanto sino a mercoledì saremo via ed avremo poco tempo per prepararla però ci proveremo; giochiamo anche fuori casa e quindi questo è un’ulteriore punto a loro favore, però anche oggi, pur non giocando con dei picchi con un’intensità costante abbiamo dimostrato che possiamo giocarcela. Se mettiamo tutto quanto abbiamo, mettiamo la giusta intensità ed energia possiamo mettere in grossa difficoltà Valmadrera, se ci adeguiamo al loro gioco e non proviamo a fare quel qualcosa in più hanno molte caratteristiche che ci possono mettere in difficoltà.”

Coach Gualtieri (Sea Logistic Valmadrera): “Sapevamo che era dura, noi abbiamo giocato meglio rispetto alla partita di andata e lo si vede anche dal punteggio; in casa abbiamo fatto 41 punti, se probabilmente avessimo fatto 57 punti anche all’andata staremmo parlando di un’altra serie. Poi è chiaro che abbiamo avuto un attimo di crisi durante la partita, io ho cercato di scuotere un po’ le ragazze, non ricordandomi che avevo già preso un tecnico e sono stato espulso; però è chiaro, se tutte le volte che venissi espulso finisse così e riesca a ribaltare una situazione da -6 a +5 non sarebbe un problema. Adesso però siamo ancora 0-0, si riparte da lì e la prossima partita sarà tirata come le altre due. Abbiamo il vantaggio psicologico di giocare in casa e pertanto l’inerzia è passata dalla nostra parte, però è meglio non pensare a queste cose e concentrarsi su come affrontare al meglio la prossima gara.”