A2-Orvieto di forza su Crema

Le ragazze di coach Romano conquistano il terzo posto in solitaria con una bella vittoria su una Tec-Mar Crema mai doma.

di Lorenzo Petrangeli

Altra vittoria casalinga per la Ceprini Costruzioni Azzurra Orvieto, che ha sconfitto per 71-60 la Tec-Mar Crema e ha così guadagnato il terzo posto in solitaria a discapito proprio delle ragazze di coach Visconti. Dopo un primo quarto tutto appannaggio di Orvieto Crema si è ripresa con voglia e grinta, ma al termine dei quaranta minuti si è dovuta arrendere alle padrone di casa che si sono distinte per un maggior killer instinct.

Per Orvieto è sceso in campo il classico quintetto formato da Bonasia, Brunelli, Manzotti, Manfrè e Mazionyte, a cui Crema ha risposto con Rizzi, Caccialanza, Zagni, Veinberga e Picotti. In avvio è Azzurra a compiere il primo scatto con il parziale di 8-0 firmato dalle bombe di Brunelli e Manzotti e dai liberi di Mazionyte. Le ragazze di coach Romano hanno scavato la prima differenza della partita soprattutto grazie a un grande lavoro difensivo che ha causato una grande mole di palle perse alle ospiti, che di conseguenza hanno faticato molto a costruire. Proprio sulla bomba di Brunelli coach Visconti ha scelto di spendere il primo timeout della gara, a poco più di sette minuti dalla fine della prima frazione. Al rientro dalla mini pausa Crema ha trovato i primi punti con una bomba da otto metri di Veinberga, ma ha continuato a soffrire nella propria metà campo, con Orvieto che ha trovato grandi percentuali dal campo e ha mantenuto il vantaggio guadagnato in precedenza, senza per questo far calare il livello di concentrazione in difesa. Il primo periodo si è così concluso sul 23-14 con Orvieto padrona del risultato e dell’inerzia.

Al rientro in campo Crema ha suonato tutt’altro spartito in cui la difesa ha recitato la voce del padrone. Le ragazze di coach Visconti hanno applicato una grande pressione sulle avversarie subito dopo la ricezione e hanno forzato molte palle perse, che hanno permesso loro di iniziare la rimonta. Importanti sono stati gli ingressi dalla panchina di Capoferri e Conti, che hanno creato non pochi problemi alla difesa biancorossa con la fisicità della prima e il ball handling della seconda. In questo frangente Orvieto ha faticato molto a costruire gioco per la grande pressione delle ospiti e in difesa ha concesso con qualche leggerezza alcuni canestri facili alle avversarie. Con il passare dei minuti Crema è riuscita a riportarsi a -1 da Orvieto con i due giochi da tre punti consecutivi di Capoferri e Conti, ma è stata subito ricacciata indietro da una provvidenziale tripla di Brunelli. La bomba della guardia reatina ha segnato un mini controparziale di Orvieto a cui ha risposto con un importante tiro da tre allo scadere capitan Caccialanza. Il primo tempo è così terminato sul 35-31 per Orvieto, ma con Crema in piena fiducia e pronta per la rimonta.

Al rientro dalla pausa lunga Crema ha completato l’opera iniziata nel secondo periodo senza mollare di un centimetro in intensità difensiva. Due bombe consecutive da distanza siderale di Veinberga hanno segnato il primo vantaggio della partita per le lombarde, che in poco più di tre minuti hanno piazzato un break che le ha portate sul più cinque (35-40). A causa della grande difesa di Crema Orvieto, limitata anche dai problemi di falli di Brunelli, Gaglio e Bonasia, ha continuato a faticare in attacco e in difesa non ha mostrato l’attenzione solita. Saggiamente coach Romano ha deciso di chiamare timeout per rimettere a posto la situazione. La sospensione ha portato i suoi frutti con l’immediato parziale di 5-0 ad opera di Brunelli e Mazionyte che ha rimesso Orvieto in carreggiata e ha segnato una nuova svolta nella partita. Le biancorosse hanno ricominciato dopo oltre un quarto a ritrovare fluidità in attacco, grazie anche alla buona gestione di Bonasia che ha trovato assist smarcanti per le compagne, e ha alzato la pressione anche in difesa, senza concedere canestri scontati alle ospiti. Su questo canovaccio Orvieto ha messo a segno il controparziale che l’ha portata a chiudere il terzo quarto sul 53-46, con risposte importanti anche da Manzotti, in un ottimo momento di forma, e da Gaglio, solita lottatrice sotto le plance.

L’ultimo periodo si è aperto con il gioco da tre punti di Mazionyte che ha dato la doppia cifra di vantaggio alle padrone di casa. Da quel momento è iniziata una lunga battaglia di nervi in cui le squadre si sono risposte colpo su colpo, con Crema che ha provato il tutto per tutto e Orvieto che ha provato a gestire. Le ragazze di coach Romano sono state brave a concedere pochissimo in difesa, dove hanno anche forzato palle perse importanti alle ospiti. Su quest’onda Orvieto ha anche superato la doppia cifra di margine, fino a toccare i tredici punti di distacco a poco meno di quattro minuti dal termine. Nella seconda metà del periodo finale Crema è tornata a mettere in difficoltà Orvieto con le consuete armi difensive. Le bombe di Veinberga e Conti a poco meno di due minuti dal termine hanno rimesso in partita le lombarde, tornate prepotentemente a sette punti di distacco con tempo a disposizione. In questo momento delicato quattro punti consecutivi di Bonasia, che ha trovato un gran canestro in acrobazia e ha messo a segno due liberi, hanno ricacciato definitivamente indietro Crema e hanno consegnato la vittoria nelle mani di Orvieto.

Con questa vittoria Orvieto si guadagna il terzo posto in solitaria e si prepara al meglio per le Final Eight di Coppa Italia della prossima settimana, a cui arriva in piena fiducia e galvanizzata da importanti successi contro le dirette concorrenti, conscia della possibilità di battersela con chiunque nella gara secca. Questa sconfitta fa male a Crema, che scende al quarto posto davanti a un Sanga Milano con gli stessi punti ma con lo scontro diretto a sfavore. Le ragazze di coach Visconti hanno comunque mostrato un’ottima pallacanestro e rimangono ancora una delle squadre da temere del girone. Per le lombarde, che non prenderanno parte alla Coppa Italia, si prospetta una settimana di pausa, in cui potranno ricaricare le pile per preparare al meglio il finale di stagione.

Ceprini Costruzioni Orvieto-Tec.Mar. Crema 71-60 (23-14, 35-31, 53-46).

CEPRINI COSTRUZIONI ORVIETO: Grilli S., Falanga M., Mazionyte G. 15, Bonasia V. 9, Gaglio A. 6, Manzotti G. 14, Manfrè 8, Brunelli G. 19, Armenti V. NE, Presta C. NE. All.: Romano Massimo.

TEC-MAR. CREMA: Conti C. 7, Zagni C.11, Capoferri M. 11, Cerri C. NE, Veinberga I. 12, Caccialanza P. 7, Parmesani F. NE, Cerri G. 1, Maiocchi N. NE, Rizzi N. 3, Picotti M. 8. All.: Visconti Luca.

ARBITRI: Sara Sciliberto e Mirko Picchi.

NOTE: Ceprini Costruzioni Orvieto tiri liberi 23/27 (85%). Tec-Mar. Crema tiri liberi 3/6 (50%).

Fotogallery a cura di Anna Federico

Massimo Romano

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy