A2 – Peresson è devastante: Empoli sbanca Patti al termine di una partita folle

0

Alma Basket Patti – USE Rosa Scotti Empoli 103 – 107 (25-23, 43-40, 62-57, 81-81, 91-91, 103-107) (d2ts)
ALMA BASKET PATTI: De Giovanni* 9 (1/5, 1/4), Botteghi* 30 (9/13, 0/5), Francia 2 (1/2 da 2), Moretti 17 (3/8, 2/3), Pilabere* 15 (5/9 da 2), Miccio* 13 (1/3, 3/7), Bardare’, Armenti NE, Sciammetta NE, Sarni* 17 (5/10 da 2)
Allenatore: Buzzanca M.
Tiri da 2: 25/50 – Tiri da 3: 6/21 – Tiri Liberi: 35/45 – Rimbalzi: 50 11+39 (Sarni 11) – Assist: 15 (Sarni 4) – Palle Recuperate: 2 (De Giovanni 1) – Palle Perse: 10 (Botteghi 2) – Cinque Falli: Pilabere
USE ROSA SCOTTI EMPOLI: Peresson* 36 (3/7, 9/14), Cvijanovic* 6 (3/12, 0/2), Ruffini 12 (4/5, 1/2), Patanè* 6 (1/2, 1/3), Stoichkova* 14 (4/10, 1/6), Merisio 9 (1/3, 2/6), Casini NE, Manetti* 15 (6/12 da 2), Melita NE, Chelini 9 (4/6 da 2)
Allenatore: Cioni A.
Tiri da 2: 26/57 – Tiri da 3: 14/33 – Tiri Liberi: 13/25 – Rimbalzi: 49 14+35 (Chelini 10) – Assist: 11 (Cvijanovic 3) – Palle Recuperate: 5 (Patanè 1) – Palle Perse: 7 (Cvijanovic 2) – Cinque Falli: Manetti
Arbitri: Bernardo L., Maino G.

Numeri da leggere in religioso silenzio: 36 punti, 3/7 dal campo (42%), 9/14 dalla lunga (64%), 3/ 4 ai liberi (75%). La Sicilia del basket femminile ai piedi di Antonia Peresson che mette la sua firma in calce ad una partita che resterà nella storia del basket dell’Use Rosa. La Scotti vince 103-107 a Patti dopo due supplementari a cui arriva quando, nel minuto finale dei tempi regolamentari, la gara pareva ormai andata con l’espulsione di Cvijanovic e le siciliane padrone del campo. A quel punto ecco appunto Peresson mandare tutti al supplementare tirando fuori dal cilindro due triple incredibili e spettacolari. Da quel momento inizia un botta e risposta che aggiunge spettacolo allo spettacolo, fino a quando, dopo ben due supplementari, arriva la sospirata ed incredibile vittoria. Una partita che può essere un momento di svolta del campionato ma che, sicuramente, sarà ricordata chissà ancora per quanto tempo per le emozioni che regala.
Pilabere da sotto apre le danze ed è poi Manetti ad appoggiare quattro punti consecutivi: 2-4. La prima tripla è a firma Patanè per il 6-7 e le due squadre si studiano senza che nessuna riesca a riuscire a prendere il sopravvento anche se nel finale, sul 22-18, coach Cioni preferisce non rischiare e ferma il gioco, mossa che fa bene visto che Merisio mette la tripla. Al 10’ siamo 25-23 e Bambini impatta subito a quota 25 prima che Peresson pianti la sua terza tripla consecutiva: 25-28. Merisio assicura punti importanti ed a metà parziale siamo 30-34. La gara è bella, la Scotti fatica a contenere Botteghi mentre in attacco trova buone soluzioni anche sotto con Bambini in ottima serata. All’intervallo si va sul 43-40 e Pilabere riapre le ostilità con Patti che prova ad allungare con la tripla di Moretti per il 50-42. Manetti replica con un gioco da 3 punti ma la Scotti soffre e scivola a meno 10 sul 56-46. Qui Peresson e l’ex Stoichkova riducono la forbice (58-51) e la coppia Ruffini-Merisio tiene in partita l’Use Rosa che al 30’ chiude sul 62-57. Botteghi inaugura la frazione finale ma Cvijanovic da sotto appoggia il 64-61. Stesso copione quando Patti riallunga sul 68-61 e Stoichkova rientra sul 68-65 ma, quando Botteghi firma il 72-65 al 5’, coach Cioni preferisce rifugiarsi in timeout. Cvijanovic segna il 72-67 e Peresson continua a martellare con la settima tripla, quella del 74-70. Merisio dalla lunetta mette il 76-71 e Cvijanovic, dopo un errore, si fa prendere da un momento di rabbia e viene espulsa quando mancano due minuti alla sirena. Pilabere segna due liberi sui quattro a disposizione (78-71) e coach Cioni si ferma per trovare il modo di riaprire la gara. Super Peresson va a segno per il 78-73 ma la tripla di Merisio prima e Stoichkova dopo si fermano sul ferro. Pare finita, ma una gigantesca Peresson, con due triple, dice 33 e manda tutti ad un incredibile supplementare: 81-81. Ancora lei apre l’overtime con la bomba dell’81-84 e prima Stoichkova mette il libero dell’81-85 e dopo Manetti, costringendo Pilabere al quinto fallo, quello dell’81-86. Moretti rianima Patti con un gioco da 3 punti (84-86) e stavolta tocca a Ruffini ad andare in lunetta per l’84-87. Il quinto fallo di Manetti manda Miccio in lunetta per l’85-87 a 90 secondi dalla sirena. Stoichkova sbaglia la tripla e Botteghi sorpassa sull’88-87. Patanè, Miccio, Ruffini e Sarni segnano punti pesantissimi fino a quando sempre Sarni, dalla lunetta, non impatta sul 91-91. La Scotti ha 10 secondi per segnare ma la tripla di Stoichkova non va e siamo al secondo supplementare. Ruffini segna la bomba del 91-94 e poco dopo, con un numero, il 96-96. Stoichkova dalla lunga passa quota 100 (100-101) e, quando Patanè va in lunetta mancano 37 secondi alla sirena. La siciliana mette il secondo 103-104, Patti sbaglia e Peresson cattura il rimbalzo e subisce fallo andando in lunetta. Sbaglia il primo e mette il secondo: 103-105 a 14 secondi dalla sirena. Time out Patti e, alla ripresa, le siciliane non segnano ed è Stoichkova a sigillare un 103-107 che profuma d’alta classifica ma soprattutto di storia.

UFF.STAMPA USE BASKET