A2 POUT G3 – Guilavogui ed Hernandez trascinano Pallacanestro Bolzano alla salvezza, Vicenza battuta

0

Acciaierie Valbruna Bolzano – A.S. Vicenza 62 – 52 (19-13, 39-26, 51-46, 62-52)

ACCIAIERIE VALBRUNA BOLZANO: Fumagalli* 2 (1/1, 0/1), Guilavogui* 13 (5/10 da 2), Gottardi, Kuijt* 2 (1/3, 0/2), Hernandez Pepe* 12 (5/11 da 2), Rossi 5 (1/1, 1/1), Fabbricini 4 (2/3, 0/1), Marcello NE, Sasso 10 (2/8, 1/1), Pellegrini 4 (1/5, 0/3), Santarelli* 10 (5/5, 0/4)
Allenatore: Pezzi A.
Tiri da 2: 23/48 – Tiri da 3: 2/13 – Tiri Liberi: 10/11 – Rimbalzi: 40 8+32 (Guilavogui 10) – Assist: 11 (Kuijt 6) – Palle Recuperate: 5 (Rossi 2) – Palle Perse: 13 (Rossi 4)
A.S. VICENZA: Tonello NE, Bellon NE, Monaco* 3 (1/5 da 3), Garzotto NE, Mioni 6 (3/5 da 2), Sturma* 19 (8/13, 1/3), Villarruel* 13 (1/6, 3/5), Reschiglian NE, Chrysanthidou* 6 (3/7 da 2), Tagliapietra* 5 (2/12, 0/6)
Allenatore: Zordan P.
Tiri da 2: 17/43 – Tiri da 3: 5/19 – Tiri Liberi: 3/8 – Rimbalzi: 39 10+29 (Tagliapietra 7) – Assist: 5 (Monaco 2) – Palle Recuperate: 5 (Monaco 3) – Palle Perse: 11 (Squadra 4)

Bella di playout amara per Vicenza. Bolzano vince di 10 punti e si assicura la salvezza. La squadra di Ussaggi deve ora affrontare Podolife Treviso per conquistarsi il posto al sole per l’anno prossimo. La partita tra Acciaierie Valbruna e Vicenza è stata intensa e durissima. Se nel primo tempo le altoatesine hanno dominato, portandosi al massimo vantaggio sul 37/21 al 9° del secondo periodo, Vicenza è stata capace di reagire alla grande riuscendo a chiudere il terzo atto sul 51/46. E come inizio del 4° ecco una tripla di Villarruel a siglare un meno due -51/49 -, foriero di speranze e illusioni. Bolzano non ci sta e reagisce subito con Guilavogui e Pellegrini. Poi scende sul campo una lunghissima fase di abulia da entrambe le parti e Vicenza non sa trarne profitto. Errori e imprecisioni a non finire: caldo e stanchezza la fanno da padroni da ambedue le parti e le giocatrici sono stremate. Il risultato dei decisivi 10 minuti finali parla da solo: 11/6 per Sasso e compagne. Dopo la tripla di Villarruel Vicenza realizza un canestro con Sturma e un tiro libero con Tagliapietra. Il risultato rimane in bilico fino alla fine, ma Vicenza non sa dare la  giusta zampata per agganciarsi alle avversarie. Stringendo i denti Acciaierie Valbruna con grande sofferenza segna quei pochi canestri che la mettono al sicuro. Sicuramente la panchina lunga ha giovato alla squadra di Pezzi, ma va anche aggiunto che la squadra bolzanina ha sfoderato una prestazione ben più efficace di quella di mercoledì scorso. Vicenza non deve perdersi d’animo. Ora è attesa a Treviso sabato 21, con replica al Palasport berico il mercoledì 25. Sabato 28 l’eventuale bella in quel di Treviso. La via della speranza è difficoltosa, ma sempre aperta e guai a mollare.

Ufficio Stampa

A.S.Vicenza Basket Femminile