A2 – Roseto più forte delle assenze, spazzata via Trieste

0

ARAN Cucine Panthers Roseto – Futurosa Trieste iVision 83 – 51 (24-16, 52-32, 67-46, 83-51)

ARAN CUCINE PANTHERS ROSETO: Aispurua* 5 (2/4, 0/3), Resemini, Botteghi* 29 (7/17, 4/6), Sorrentino* 18 (5/7, 2/7), Bona NE, Cecili* 11 (4/9, 1/3), Miccio NE, Lemma 2 (1/1 da 2), Bardare’, Mattera* 15 (6/10 da 2), Polimene, Maroglio 3 (1/2 da 3)
Allenatore: Padovano M.
Tiri da 2: 25/48 – Tiri da 3: 8/23 – Tiri Liberi: 9/12 – Rimbalzi: 39 9+30 (Botteghi 7) – Assist: 19 (Cecili 8) – Palle Recuperate: 7 (Mattera 3) – Palle Perse: 5 (Mattera 2)
FUTUROSA TRIESTE IVISION: Visintin, Briganti, Rosset NE, Tempia* 2 (1/1, 0/4), Ostojic* 10 (4/5, 0/5), Miccoli* 10 (3/8, 1/1), Leghissa 6 (2/4 da 2), Sammartini* 12 (6/10, 0/1), Lombardi 4 (1/3, 0/1), Camporeale* 2 (1/4, 0/4), Carini 5 (1/2, 1/3)
Allenatore: Mura A.
Tiri da 2: 19/37 – Tiri da 3: 2/20 – Tiri Liberi: 7/7 – Rimbalzi: 37 6+31 (Miccoli 8) – Assist: 10 (Miccoli 4) – Palle Recuperate: 2 (Miccoli 1) – Palle Perse: 19 (Camporeale 5) – Cinque Falli: Miccoli
Arbitri: Fiore A., Valletta D.

Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare. Si può affermare, senza alcun dubbio, che le ARAN Cucine Panthers Roseto hanno applicato alla lettera e alla perfezione questo celebre detto sportivo. Con tre assenze pesanti (Obouh Fegue, Miccio, Bona) e una Trieste reduce da un buon momento di forma, la vigilia del match contro le giuliane si prospettava molto difficile. Invece in settimana Botteghi e compagne, coordinate da coach Massimo Padovano, hanno lavorato ancora più motivate e concentrate, sfoderando una prestazione letteralmente strepitosa e vincendo con un eloquente 83-51.


Ciò che ha meravigliato in positivo è stata la cattiveria agonistica messa sul parquet dalle pantere rosetane, specialmente in fase difensiva, con una voglia di vincere e soprattutto di dimostrare che questa squadra, se si trova in difficoltà, è in grado di reagire e di graffiare ancora più forte.


Partita di fatto non c’è mai stata, con Botteghi (29 punti, 7 rimbalzi, 6 assist) e Sorrentino (18 punti, 6 rimbalzi) a dare grinta e leadership, ottimamente supportate dalla direttrice d’orchestra Cecili (11 punti, 8 assist) e dalla presenza di Mattera sotto le plance (15 punti, 5 rimbalzi). Da lodare anche il lavoro difensivo di Maroglio e l’apporto di Bardarè, Resemini, Lemma e Polimene.


Con questa vittoria le Panthers lanciano un messaggio importante a tutte le altre squadre del campionato: per batterle bisognerà veramente sudare parecchio perché questo è un gruppo nel vero senso della parola e con un cuore immenso.

UFF.STAMPA PANTHERS ROSETO