A2 QF G1 – Rosset e Iannucci guidano Marghera alla vittoria in gara uno contro Civitanova

A2 QF G1 – Rosset e Iannucci guidano Marghera alla vittoria in gara uno contro Civitanova

Rittmeyer Giants Marghera – Infa Feba Civitanova Marche 64 – 60

di La Redazione

Rittmeyer Giants MargheraInfa Feba Civitanova Marche 6460 (12-11, 38-26, 48-48)

RITTMEYER GIANTS MARGHERA: Rosset M. 21 , Zavalloni S. NE , Iannucci F. 14 , Toffolo S. 13 , Fabris C. 3 , Castria C. 3 , Salmaso E. NE , Cecili G. 3 , Biancat Marchet I. NE , Baldi B. 3 , Pastrello S. 4 , Fiorin V. NE , All. Iurlaro Francesco

INFA FEBA CIVITANOVA MARCHE: Orsili A. 2 , Zaccari L. , Bocola G. NE , Trobbiani J. 8 , Ceccarelli S. 20 , Ostojic K. 6 , Gombac G. 7 , Mataloni M. 17 , Marinelli E. , Stronati F. NE , All. Matassini Alberto

NOTE:  Rittmeyer Giants Marghera tiri liberi 6/13 (46,1%), Infa Feba Civitanova Marche tiri liberi 4/4 (100%)

L’Infa Feba Civitanova Marche viene beffata nel finale. Le momò, in gara 1 dei quarti di finale play-off, vengono battute in casa del Giants Marghera per 64-60. Questa volta, a differenza dei due precedenti di campionato, non serve il supplementare per decretare la vincente e, ancora una volta, quello che domina tra le due formazioni è l’equilibrio. Un equilibrio che si mantiene per tutta la gara, e probabilmente sarà un fattore determinante in tutta la serie, rotto solamente in due frammenti del match: nei primi minuti del secondo quarto e proprio nel finale. Se nel primo caso le ragazze di coach Alberto Matassini riescono a ricucire in maniera superlativa il break secco di 14-0 che sembrava poter indirizzare la sfida a favore delle locali, cosa poi non accaduta, nel secondo caso il vantaggio per Marghera è sufficiente per chiudere la partita avanti e portare la serie sull’1-0. Giovedì a Civitanova Marche servirà tutto, cuore, grinta e testa, per cercare di vincere e portare la serie in parità. “Oggi più che mai la partita l’abbiamo persa noi – ha commentato coach Alberto Matassini – e questa sconfitta è quella che fa più male rispetto a quella subita in campionato. Infatti l’altra volta Marghera ha avuto una grande reazione mentre in questo caso l’abbiamo provocata noi con degli errori difensivi gravissimi che ai play-off non si possono concedere. Se vogliamo portare questa serie a gara 3, giovedì dovremo essere molto più precise in questo. Abbiamo fatto una partita di grande cuore, di grande intensità e questo è un aspetto positivo che comunque non mi sorprende. Però aver giocato con questo cuore, e poi non aver concretizzato fa pensare che comunque siamo alla pari con Marghera ma che bisogna essere più cattivi e determinati quando l’avversario è in difficoltà. Altro da dire non ci sarà in questi giorni perchè abbiamo fatto la partita che avevamo preparato, applicandoci bene anche in difesa, e abbiamo giocato alla pari, forse anche meglio, di Marghera. Non voglio dare nessun tipo di giustificazione alle ragazze perchè abbiamo perso una partita che dovevamo vincere. Giovedì dovremo correre ai ripari e portare la serie in parità, consapevoli che purtroppo quest’anno siamo sfortunati per gli infortuni perchè abbiamo Perini e Bocola fuori, ma non deve essere una scusante anzi deve essere uno stimolo a fare meglio in questa stagione positiva. Riusciamo a giocare alla pari con tutti anche se ci mancano delle giocatrici importanti – conclude Matassini – e non sono sicuro che altra squadre di vertice, in questa situazione, riescano a mantenere il nostro standard. Non dobbiamo piangerci addosso per questo ma dobbiamo pensare a gara 2 e vincerla”.

Uff.Stampa Fe.Ba Civitanova Marche

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy