A2 – Turel scatenata, Alpo vince contro Matelica

0

Halley Thunder Matelica – Ecodem Alpo 66 – 74 (18-16, 29-38, 51-52, 66-74)

HALLEY THUNDER MATELICA: Kraujunaite* 16 (3/8, 1/1), Cabrini* 2 (1/2, 0/5), Stronati NE, Celani NE, Georgieva 10 (3/6, 1/1), Gramaccioni* 7 (3/8, 0/3), Gonzalez NE, Zamparini NE, Poggio* 14 (5/8 da 2), Montelpare 1 (0/2 da 3), Offor* 6 (3/4 da 2), Sanchez 10 (1/5, 2/5)
Allenatore: Sorgentone D.
Tiri da 2: 19/41 – Tiri da 3: 4/17 – Tiri Liberi: 16/20 – Rimbalzi: 36 8+28 (Poggio 8) – Assist: 14 (Cabrini 4) – Palle Recuperate: 6 (Kraujunaite 3) – Palle Perse: 16 (Kraujunaite 7)
ECODEM ALPO: Parmesani* 2 (0/2, 0/2), Nori* 4 (1/6 da 2), Turel* 21 (1/7, 6/9), Fiorentini NE, Rosignoli, Moriconi* 13 (5/9, 1/4), Soglia 8 (3/4 da 2), Chiaretto NE, Mancini NE, Furlani NE, Frustaci* 19 (0/4, 4/5), Pastore 7 (2/2, 1/2)
Allenatore: Soave N.
Tiri da 2: 12/36 – Tiri da 3: 12/25 – Tiri Liberi: 14/16 – Rimbalzi: 39 10+29 (Frustaci 10) – Assist: 13 (Moriconi 4) – Palle Recuperate: 11 (Frustaci 3) – Palle Perse: 15 (Parmesani 5)
Arbitri: Galluzzo D., Schena C.

La Halley Thunder Matelica “incappa” nella terza sconfitta consecutiva, cedendo alla Ecodem Alpo Villafranca di Verona per 66-74 (prima giornata di ritorno di serie A2 femminile di basket) al termine di una partita molto combattuta che, a quattro minuti dal termine, vedeva le ragazze marchigiane avanti di tre e con il “trend” sul punto di svoltare in proprio favore.

Invece, con merito, l’Alpo ha cinicamente infranto ogni sogno matelicese, grazie ad una prova balistica straordinaria al tiro dalla lunga distanza: 12/25 da tre di squadra, con Anna Turel (6/9) e Sofia Frustaci (4/5) sempre pronte a infrangere ogni tentativo della Halley Thunder di mettere le mani sulla partita.

Alla grintosa e volitiva Matelica, insomma, non resta che rammaricarsi per aver trovato sulla propria strada una Alpo particolarmente ispirata al tiro e per essere scesa in campo ancora una volta senza Debora Gonzalez e con diverse giocatrici “fiaccate” dalla recente influenza.

A parte il primo quarto (18-16), la partita è stato un continuo “tiramolla”. Al primo tentativo di allungo delle venete (25-35 al 18’), Matelica risponde con un pronto recupero ispirato dalla difesa a “zona” (43-44 al 26’). Poco dopo, ecco una nuova accelerazione dell’Alpo (43-52 al 28’), seguita da immediato break di 10-0 della Halley Thunder (53-52 al 31’). In questa fase, Matelica sembra trovare l’assetto giusto per imprimere sulla gara il proprio marchio e al 36’ si porta sul 64-61. Ma a smorzare il tentativo di fuga ci pensano, con due triple letali nel giro di meno di un minuto – le ennesime della loro partita – Turel e Frustaci: 64-67 al 38’. L’ottima Justina Kraujunaite dalla lunetta tiene in corsa Matelica (66-67 a 1’ 30” dalla sirena finale), ma l’Alpo ne ha un po’ di più e sigilla il successo per 66-74.

Matelica resta al 4° posto in classifica con 18 punti, mentre le venete “staccano” le marchigiane consolidando il 3° posto con 20 punti.

Il commento di coach Domenico Sorgentone. «Date le condizioni in cui eravamo, le ragazze si sono battute dando tutto quello che c’era da dare. E questo è un segnale positivo. Di positivo c’è anche che abbiamo rialzato il nostro bottino offensivo, tra l’altro contro una squadra che sa difendere: 66 punti, dopo una serie di partite in cui faticavamo a toccare i 60. Purtroppo di negativo c’è che, per motivazioni di carattere sanitario, molte giocatrici non hanno la partita “vera” nella gambe. Penso a Gramaccioni, ad esempio, che è rientrata solo per giocare dopo una settimana di influenza; la stessa Kraujunaite ha avuto problemi identici qualche giorno prima. Vengo fuori da questa partita provatissimo, perché sarebbe stata una vittoria importante, che ci avrebbe ridato serenità e spinta emotiva. Ma la vittoria non è arrivata, allora dobbiamo essere bravi a prendere il positivo di questa partita. Bisogna rimboccarsi le maniche per ritornare prima di tutto nelle condizioni fisiche migliori, e tornare a giocare come a lungo abbiamo fatto in questo campionato».

Ferruccio Cocco
Ufficio Stampa Thunder Basket Matelica