A2 – Tutto pronto per le Gare 2 delle Semifinali

0

Il programma delle Gare 2 tra mercoledì e giovedì.

Logiman Broni – WomenAPU Delser Crich Udine
La prima sfida in programma è quella tra Logiman Broni e WomenAPU Delser Crich Udine (mercoledì, ore 20.30, diretta LBF TV). Gara 1 tra le due formazioni è stata nettamente il match più bello della prima giornata delle Semifinali di Serie A2 e le due formazioni sono pronte a dare il via ad un’altra battaglia. Nel match inaugurale, infatti, sebbene Udine sia stata davanti per gran parte del tempo, non è mai riuscita a staccare e il massimo distacco tra le due che è stato di soli otto punti: l’equilibrio che ha regnato per quaranta minuti ha portato il match al supplementare, grazie alla tripla di Ianezic che ha permesso a Broni di agguantare la parità a venti secondi dalla fine. Udine è riuscita a imporsi segnando 16 punti al supplementare, ma ci è riuscita solo nel finale, quando i liberi di Milani sono entrati, mentre la tripla del possibile pareggio di Marciniak no. Entrambe le formazioni hanno vissuto una brutta serata in uno dei loro punti di forza, ovvero il tiro da tre punti (26% per Udine, 22% per Broni), ma Udine è riuscita a sfruttare meglio la sua panchina. Sebbene le riserve friulane che hanno segnato siano state solo due, il loro apporto è stato decisivo: Katshitshi ha chiuso infatti con una doppia doppia da 16 punti e 10 rimbalzi, mentre Gregori ne ha segnati 23, mandando a bersaglio quattro delle cinque triple di squadra di Udine. Il match è stato molto equilibrato in gran parte delle voci statistiche, con le palle perse che sono state un fattore: Broni ha perso ben 21 palloni, che hanno fruttato 24 punti alle avversarie, mentre a fronte di 17 palle perse da Udine la squadra lombarda ha ottenuto solo 11 punti. Broni aveva tirato con percentuali più alte (42% dal campo contro 38%) e aveva trovato una serata da 18 punti della sua capitana Ilaria Bonvecchio, ma le difficoltà nelle palle perse sono state decisive e per provare ad allungare la serie e la sua stagione le biancoverdi dovranno prestare attenzione a questo fattore. Per impattare la serie Broni avrà a disposizione il fattore campo, anche se Udine ha perso solo due partite in trasferta in questa stagione.

ARAN Cucine Panthers Roseto – Ecodem Alpo
Alla stessa ora avrà il via anche il match tra ARAN Cucine Panthers Roseto ed Ecodem Alpo (mercoledì, ore 20.30, diretta LBF TV). Roseto proverà ad allungare la propria serie al PalaMaggetti, che in questa stagione è stato un vero e proprio fortino, violato solo in tre occasioni, anche se dall’altra parte arriva una Alpo che ha vinto otto delle ultime nove trasferte tra playoff e regular season. Nonostante le basse percentuali poi, la formazione veneta è riuscita a trovare una vittoria fondamentale in Gara 1, grazie a una buona prova a rimbalzo (47) e negli assist (14), dove ha più che doppiato le avversarie (6). Alpo infatti è riuscita a inceppare l’attacco delle rosetane e ha limitato molto le giocatrici avversarie più forti: Obouh Fegue ha chiuso con 11 punti e il 38% al tiro, mentre Sorrentino ne ha messi solo 12 e dietro di loro nessun’altra giocatrice è andata in doppia cifra. Dal canto suo Alpo, oltre alla doppia doppia da 13 punti e 10 rimbalzi di Francesca Parmesani, ha trovato un’ottima prova da Ilaria Moriconi (16) e ha preso 6 rimbalzi d’attacco in più delle avversarie, ottenendo 15 punti da seconde opportunità contro i 7 di Roseto. Entrambe le squadre proveranno ad alzare le proprie percentuali in Gara 2, mentre per Roseto sarà fondamentale anche non perdere la concentrazione: dopo aver giocato fianco a fianco per trenta minuti e aver chiuso il terzo periodo in vantaggio, la formazione abruzzese ha infatti subito un parziale di 15-0 in apertura di ultimo periodo, che ha portato Alpo sulla doppia cifra di vantaggio e ha di fatto chiuso il match. Con questa vittoria Alpo si è portata sul 2-1 nei precedenti stagionali, visto che le due squadre si erano spartite gli incontri di regular season.

Polisportiva Galli San Giovanni Valdarno – CLV-Limonta Costa Masnaga
Per quello che riguarda invece il Tabellone 1, i match si disputeranno nel tardo pomeriggio di giovedì. Ad aprire le danze saranno Polisportiva Galli San Giovanni Valdarno e CLV-Limonta Costa Masnaga (giovedì, ore 18, diretta LBF TV), con la formazione toscana chiamata a vincere per poter ancora sperare nella promozione. Il match inaugurale è stato a senso unico, con Costa che ha toccato anche i 31 punti di vantaggio, segnando ben 87 punti, quasi 16 punti in più della sua media stagionale. Come suo solito, Costa ha giocato una partita di squadra, mandando a referto tutte le giocatrici entrate eccetto una, con cinque atlete in doppia cifra e un totale di 29 assist di squadra. Costa è stata brava a limitare una giocatrice fondamentale per le toscane come Meriem Nasraoui, tenuta a soli 8 punti con il 22% dal campo e l’ottima prestazione offensiva ha tolto i riflettori dalle 20 palle perse. Per provare a impattare la serie San Giovanni Valdarno dovrà fare un reset e tornare a giocare ai suoi livelli: i 57 punti segnati sono infatti la quinta peggior prestazione stagionale della squadra toscana, che contro Costa, in stagione aveva giocato dei match piuttosto equilibrati, portandosi a casa anche uno dei due incontri di regular season. La serie è infatti una delle più interessanti delle semifinali, visto che si tratta dello scontro tra la seconda e la terza classificata del Girone A. San Giovanni Valdarno spera di riuscire a sfruttare il fattore campo, visto che tra le mura amiche non perde dal 18 febbraio, mentre dall’altra parte c’è una Costa reduce da una brutta sconfitta lontano dalla Lombardia contro Trieste.

Martina Treviso – Autosped BCC Derthona
L’ultimo match in programma è quello tra Martina Treviso e l’Autosped BCC Derthona (giovedì, ore 19.30, diretta LBF TV). Gara 1 è stata dominata dalla formazione piemontese, in quello che è stato il match più senza storia delle semifinali. Derthona ha infatti sfiorato anche i 50 punti di vantaggio e nei primi venti minuti non ha permesso a Treviso nemmeno di arrivare in doppia cifra nei punti segnati. La formazione veneta dovrà di fatto cancellare tutto quello che è successo in Gara 1, dove non ci sono stati praticamente aspetti da salvare, se non forse la doppia doppia di Ashley Egwoh da 11 punti e 10 rimbalzi. Treviso dovrà provare a essere quella squadra che si è vista nel primo turno di playoff contro Mantova, dove si è portata a casa per 2-0 una serie che doveva essere tra le più combattute del primo turno. Ritrovare Chelsea D’Angelo, tenuta a soli 8 punti con il 10% dal campo in Gara 1 sarà un aspetto fondamentale per Treviso per provare a dare battaglia a una squadra che, tuttavia, dimostra di match in match di essere quella più in forma del campionato. In Gara 1 Derthona ha mandato quattro giocatrici in doppia cifra, ha raccolto 52 rimbalzi e fornito 26 assist e con il ritmo che stava tenendo poteva sfondare anche il muro dei cento punti, se non avesse deciso di dosare le energie nel quarto periodo. In trasferta Derthona ha perso solo una volta in stagione, motivo per cui il fattore campo rischia di non essere così decisivo per Treviso.

area comunicazione lbf