A2- Udine fa la voce grossa e schianta Ponzano

Delser Crich Udine – Schiavon Ponzano 81 – 61

di La Redazione

Delser Crich Udine – Schiavon Ponzano 81 – 61 (19-22, 40-30, 63-47, 81-61)

DELSER CRICH UDINE: Buttazzoni, Peresson* 19 (4/4, 3/8), Blasigh 8 (3/4, 0/1), Braida, Turel 19 (5/6, 2/3), Sturma* 7 (1/4, 1/2), Scarsi* 5 (2/4 da 2), Lizzi, Pontoni* 4 (2/3 da 2), Da Pozzo 8 (2/5 da 2), Medeot, Cvijanovic* 11 (4/6, 0/2)
Allenatore: Matassini A.
Tiri da 2: 23/42 – Tiri da 3: 6/16 – Tiri Liberi: 17/21 – Rimbalzi: 35 10+25 (Scarsi 8) – Assist: 10 (Peresson 4) – Palle Recuperate: 8 (Turel 2) – Palle Perse: 11 (Squadra 2)
SCHIAVON PONZANO: Rescifina 4 (1/5, 0/1), Gavagnin, Bianchi, Iannucci* 16 (5/12 da 2), Leonardi* 15 (4/7, 0/1), Carraro, Celani 5 (1/3, 1/2), Martines, Egwho* 2 (1/6 da 2), Miccoli* 18 (6/11 da 2), Zitkova* 1 (0/2, 0/1)
Allenatore: Zanco N.
Tiri da 2: 18/47 – Tiri da 3: 1/7 – Tiri Liberi: 22/25 – Rimbalzi: 33 12+21 (Egwho 9) – Assist: 1 (Zitkova 1) – Palle Recuperate: 3 (Iannucci 1) – Palle Perse: 14 (Egwho 4) – Cinque Falli: Miccoli
Arbitri: Consonni C., Canali S.

Lieto è il ritorno a casa per la Libertas School Udine nel match valevole per la seconda giornata di Serie A2 giocato sabato 10 ottobre. La formazione arancione esce vittoriosa dal battesimo stagionale nel proprio impianto superando il Ponzano Basket con il punteggio di 81-61. Sospinte dal pubblico amico, superato un avvio ingolfato, le ragazze di coach Matassini costruiscono, inesorabili, il secondo successo stagionale.

La partita

Il pubblico è distanziato, le maglie in campo mentalmente già strette quando coach Matassini manda sul parquet un quintetto di partenza formato da Peresson, Scarsi, Sturma, Pontoni e Cvijanovic. L’abbraccio del “Benedetti” è caloroso, eppure il gelo, nei primi minuti, ha la meglio sul rettangolo di gioco. Ponzano è subito avanti: 0-11 al 6’. Tocca al tecnico della Delser Matassini cercar la scintilla in grado di accendere in match in favore delle sue. Il time-out sponda Udine sortisce l’effetto sperato e trasferisce nelle mani di Sturma il primo accenno di reazione friulana. La numero 11 sblocca il punteggio LBS con una tripla dall’angolo poi replicata da Peresson nel giro di pochi secondi. La squadra ospite non ci sta, stringe i denti e mantiene le volpi a distanza. A 3’ dalla fine Turel decide di entrare nel match con due bombe che impediscono la fuga alle venete. Al termine del primo quarto Ponzano conduce 19-22.

Il ferro è sgarbato per Udine in principio di seconda frazione. Se dunque in arresto la palla non vuole entrare, dall’arco Peresson scocca la freccia del 22 pari. Sta a Turel poi soffiare il vento che porta il veliero arancione al massimo vantaggio al 14’: 28-24. Da qui in poi Da Pozzo e compagne aumenteranno il ritmo del pressing, trovando punti pesanti in attacco. Dei veri e propri macigni capaci di aprire un solco tra le due contendenti. A scagliarli, in particolare, Peresson aka “America sniper”: l’ex Georgia Tech da fuori è letale e produce le triple del +10 e +12 fra 18’ e 19’. Al 20’ il tabellone segnerà 40-30.

Al rientro dagli spogliatoi la Delser è una testuggine: chiusa conquista palla, riparte, scatta e colpisce mortifera in contropiede. Alla battaglia prendono parte tutte – o quasi – le giocatrici a disposizione di coach Matassini. La panchina per Udine è lunga, gli elementi che la compongono si alternano nell’ampliare il divario nei confronti delle avversarie. Sul fronte opposto sono Miccoli e Iannucci (chiuderanno rispettivamente con 18 e 16 punti) a regalare barlumi di speranza alla compagine biancoverde. Al 30’, tuttavia, lo score recita 63-47.

Memore del lieve blackout vissuto nel finale di gara a Carugate, l’ultimo quarto vede la Delser motivata a chiudere i conti da subito. Affidandosi dunque al tandem top scorer di serata Turel-Peresson (19 punti per entrambe), la formazione padrona di casa tiene a debita distanza Ponzano. Nel finale, Zitkova e Miccoli lasciano il campo per cinque falli. La “sitting” ovation riservata dal pubblico friulano a Peresson è l’epilogo di una serata conclusa in gloria.

Uff.Stampa Delser Udine

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy