A2 – Vicenza trova la prima vittoria stagionale sconfiggendo Thermal Casa Basket

0
CREDITS: AS VICENZA

Dopo sei sconfitte consecutive, finalmente la Velcofin Interlocks Vicenza si sblocca! Nel delicato match contro Abano, appaiata in classifica a quota 0 punti, al termine di una settimana movimentata, con le dimissioni di Claudio Rebellato, le ragazze biancorosse si ritrovano e, grazie ad un’ottima prestazione corale, soprattutto difensiva, battono le patavine e muovono per la prima volta la classifica. Tre giocatrici in doppia cifra: Pellegrini e Assentato ne mettono 15, Peserico 13 dalla panchina. Buona la prima per coach Zara, che ha assistito dalla panchina la sua nuova squadra, anche se per questa partita è stato soprattutto l’assistente Giulio Gobbo a rivestire il ruolo di capo allenatore.

Che Vicenza voglia vincere lo si capisce sin dalle prime battute: le biancorosse volano sul 10-2, grazie alla mano caldissima di Marta Pellegrini dalla lunga distanza. La reazione di Abano però non si fa attendere e, grazie ad un’ispiratissima De Giovanni, le ospiti infilano un contro-parziale di 11-0 con cui si portano avanti. Quello nel primo quarto però sarà anche l’unico vantaggio della Wave Thermal, perché la Velcofin non lascia scappare le avversarie e, nel finale di frazione, piazza la zampata con cui chiude il quarto avanti, 20-16, con tanto di tripla sulla sirena ancora di Pellegrini.

Nel secondo quarto, il vantaggio di Vicenza oscilla tra i 4 e i 6 punti per lungo tempo, con le ospiti che faticano a riportarsi in scia alla Velcofin nella frazione. Le beriche invece hanno contributi in attacco da tutta la squadra: Belosevic, Vitari e Togliani mettono tutte a referto punti nel quarto, sintomo di una squadra che ha voglia di condividere le responsabilità. Non a caso, 19 dei 25 canestri messi a referto da Vicenza saranno assistiti, con Fontana assoluta dominatrice nella statistica con 8 passaggi vincenti in uscita dalla panchina. Tuttavia, nel finale di tempo, Abano riesce a riportarsi fino al pareggio a quota 31 all’intervallo, beneficiando di tanti tiri liberi (Vicenza si vedrà comminare 8 falli in più rispetto alle avversarie nel corso della partita). Le due squadre vanno quindi all’intervallo in perfetta parità, ma la sensazione che regna al palazzetto è che Vicenza abbia qualcosa in più.

La dimostrazione arriva nel terzo quarto, quello che risulterà poi decisivo nel computo del match. La Velcofin stringe le maglie in difesa e domina la battaglia a rimbalzo: grazie alle 19 carambole offensive conquistate, le biancorosse vanno al tiro 17 volte in più delle avversarie, un’enormità che consente alle beriche di mantenere sempre il pallino del gioco. È Iva Belosevic la trascinatrice sotto le plance: pur in un match difficile offensivamente, la croata porta in dote 11 rimbalzi pesantissimi che danno grande morale e fiducia alla squadra. In attacco, sono l’estro di Pellegrini e la grinta di Peserico a fare la differenza nella prima parte del quarto; quindi, nella seconda metà, arrivano i punti di Assentato e Vitari a sospingere Vicenza fino al +8 che sigilla il terzo quarto.

È la difesa a fare tutta la differenza nel match: se da un lato è vero che De Giovanni è la migliore delle sue, il pressing biancorosso la costringe anche a 9 palle perse, con le vicentine capaci di rubare 11 palloni; lo spauracchio Bremaud viene tenuta a soli 7 punti nel match, faticando non poco a farsi valere nell’area vicentina. La Wave Thermal rientra fino a -4, poi viene scacciata indietro ancora da un’ottima Assentato, che nell’ultimo quarto si fa carico del peso dell’attacco e rifinisce il successo, con il distacco che alla fine arriva anche ad 11 punti.

Finisce 66-55: una vittoria che sa di aria fresca per Vicenza, finalmente vincente in campionato. Come evidenziato dalla nuova allenatrice Zara, un successo che parte dalla difesa e proprio la fase difensiva dovrà essere la chiave per provare a fare un filotto e risalire in fretta la china prima che la classifica sia del tutto compromessa. Il tempo per rifiatare però è molto poco: mercoledì si torna in campo, con la pericolosa trasferta di Ponzano. Vicenza dovrà dare fondo alle proprie energie per ottenere anche i primi due punti in trasferta e risalire ancora la graduatoria.

Velcofin Interlocks Vicenza – Wave Thermal Abano Terme 66 – 55 (20-16, 31-31, 47-39, 66-55)

VELCOFIN INTERLOCKS VICENZA: Belosevic* 6 (3/7, 0/2), Togliani* 3 (0/3, 1/1), Bevolo, Fontana 5 (0/2, 1/1), Sturma NE, Pellegrini* 15 (1/4, 4/5), Assentato* 15 (4/10, 1/6), Peserico 13 (6/12, 0/1), Reschiglian NE, Zadra NE, Valente NE, Vitari* 9 (4/7, 0/1). Allenatore: Gobbo G.

Tiri da 2: 18/46 – Tiri da 3: 7/20 – Tiri Liberi: 9/14 – Rimbalzi: 42 19+23 (Belosevic 11) – Assist: 19 (Fontana 8) – Palle Recuperate: 10 (Peserico 3) – Palle Perse: 15 (Belosevic 3)

WAVE THERMAL ABANO TERME: Degiovanni* 15 (3/5, 3/3), Kalach NE, Siviero NE, Biasiolo NE, Coccato 10 (3/5 da 2), Colombo 4 (1/2 da 2), Dell’Olio S.* 6 (2/6 da 2), Callegari 5 (2/4, 0/2), Biondi*, Rossi NE, Destro* 8 (2/9 da 3), Bremaud* 7 (2/7, 0/5). Allenatore: Franceschi D.

Tiri da 2: 13/30 – Tiri da 3: 5/19 – Tiri Liberi: 14/24 – Rimbalzi: 34 10+24 (Dell’Olio S. 6) – Assist: 9 (Degiovanni 4) – Palle Recuperate: 8 (Degiovanni 5) – Palle Perse: 19 (Degiovanni 9) – Cinque Falli: Dell’olio

Arbitri: Biondi M., Bortolotto G.

Uff stampa Velcofin Interlocks Vicenza