A2- Virtus Cagliari, due quarti e l’orgoglio finale non bastano, Manzini firma la vittoria della Fe.Ba.

0

Due quarti a testa alta, poi il copione è ancora lo stesso:il terzo periodo si conferma ancora una volta letale per la Virtus Cagliari (20-12), che cade anche sul parquet della Civitanova Marche rimanendo incollata al penultimo posto non “ripetendo” l’impresa compiuta da Salerno sette giorni fa con Roma. Brave le ragazze di coach Perini a uscire nella ripresa e far loro l’incontro, spinte dalla solita cecchina Manzini (17pt, 5/7 da tre), i punti di Iannucci (18) e la concretezza di Gomes (14pt+7rb). Doppia cifra pure per Delibasic, che nonostante una partita sottotono ha chiuso con 11 punti a referto. Per le ospiti ottima prova sotto canestro, con Bedalov (16+10) e Giorgi (13+7) tra le protagoniste dell’incontro. In doppia cifra anche Virginia Saba (10pt), stranamente scordata in panchina nel finale. Occasione quindi sprecata per le ospiti, che complice il riposo di Salerno, avrebbero potuto compiere l’aggancio al gruppo ma soprattutto alle campane (con cui hanno lo scontro diretto a favore) prima della pausa di Pasqua. Prossimo impegno il 12 Aprile a Milano contro il Sanga.

Civitanova Marche: Gomes-Iannucci-Manzini-Trobbiani-Filippetti

Cagliari: Innocenti-Saba-Oppo-Giorgi-Bedalov

BEDALOV E GIORGI ON FIRE, VIRTUS AVANTI-La Virtus parte bene, col 4-0 siglato da Saba e Bedalov. Manzini dall’arco sblocca il punteggio delle padrone di casa dopo 2’, ma Innocenti risponde con la stessa moneta mantenendo a debita distanza le avversarie. Trobbiani trova la parità a quota sette, ma le sarde hanno sempre il pallino del gioco, con Giorgi che si sblocca e Bedalov ancora una volta presente sul fronte offensivo: sono loro a metter la firma sul nuovo break che vale il 9-15. Iannucci prova a riavvicinare le proprie compagne, ma la Virtus vola via con Innocenti-Saba e Bedalov a scrivere il più dieci sul tabellone (11-21). E’ancora la numero sette con quattro punti personali a riavvicinare le marchigiane, toccando anche la doppia cifra personale. Botta e risposta tra Giorgi e Manzini e i primi 10’ si chiudono sul 18-23. Anche nella seconda frazione è Saba a trovare immediatamente la via del canestro. Gomes finalmente toglie lo zero dal proprio tabellino con quattro punti consecutivi, ma anche Bedalov non è da meno e con due conclusioni vincenti mette nuovamente sette punti di distacco (22-29). Filippetti e Delibasic ricuciono il passivo, ma Dettori replica con un bel canestro per il 28-33. Gomes realizza il meno tre, Manzini e Dettori bucano la retina dalla lunga distanza, ma è Filippetti a trovare da sotto il meno uno (35-36) a meno di due minuti dall’intervallo. Delibasic firma il sorpasso, ma l’ultimo acuto lo timbra Giorgi, che sale in doppia cifra sigillando il 37-38 dei primi due periodi.

TERZA FRAZIONE DECISIVA, LA VIRTUS SI SVEGLIA TROPPO TARDI-Anche dopo l’intervallo le due formazioni iniziano subito forte: Saba da una parte, Iannucci dall’altra ed è nuovamente parità a quota 41. Delibasic e la quarta tripla di Manzini portano al massimo vantaggio la squadra di casa (46-41). Giorgi sblocca il punteggio ospite, ma l’inerzia ora è tutta per la Feba che prova a volar via con Filippetti e la prima tripla di Delibasic che spingono sul -10 (53-43) la Virtus. Cagliari però non vuol saperne di mollare e grazie a cinque punti di Oppo riesce a limitare i danni di una terza frazione opaca, chiudendo sul 57-50. E’Trobbiani la prima ad andare a bersaglio negli ultimi dieci minuti, mentre Schirru prova ad abbassare il quintetto togliendo l’ottima Giorgi per l’inserimento di Fava. Innocenti e Oppo suonano la carica, riportando a meno cinque il passivo. Fava sceglie il momento migliore per trovare i primi due punti, riavvicinando a un solo possesso di scarto le due compagini sul 59-57. Nel momento di maggior difficoltà della Fe.Ba, Manzini ridà ossigeno col solito marchio di fabbrica, insaccando la quinta tripla del suo tabellino. Schirru corre ai ripari richiamando (forse troppo tardi) Giorgi sul parquet di gioco, ma Trobbiani e Gomes siglano il più dieci (67-57) che sa tanto di titoli di coda sull’incontro. Una super Manzini chiude i conti poco dopo e nel finale le padrone di casa sigillano il successo, con Gomes che dall’arco scrive il game set and match sull’incontro. Finisce 74-63.

MVP BASKETINSIDE.COM: Manzini

FE.BA CIVITANOVA MARCHE – VIRTUS CAGLIARI 74-63

FE.BA CIVITANOVA MARCHEManzini 17, Gomes 14, Iannucci 18, Piscini ne, Filippetti 6, J.Trobbiani 8, Romano ne, Delibasic 11, Vinciguerra ne, G.Trobbiani, Zaccari. All: Perini

VIRTUS CAGLIARI- Bedalov 16, Mura ne, Fava 2, Mastio ne, Innocenti 9, Saba 10, Dettori 5, Podda ne, Giorgi 13, Oppo 8. All. Schirru

Fotogallery a cura di Flavio Coccia