A2Nord: Zandalasini torna ed è subito protagonista. Broni conquista il derby in quel di Crema

0

TEC-MAR CREMA 51-OCM CIGNOLI BRONI 56 (Parziali: 11-14, 23-22, 33-41.)

TEC-MAR CREMA: Conti 2, Biasini, Capoferri 12, Sangiovanni n.e, Sforza 4, Caccialanza 13, Losi n.e, Gibertini 5, Rizzi 10, Picotti 5. All.: Giroldi.
NOTE: Fallo tecnico a Giroldi al 39′. T.2 12/38 T.3 8/30. T.L ¾.
OCM CIGNOLI BRONI: Bergante 9, Zamelli 7, Besagni, Surkusa 11, Caru’ 5, Borghi, Tagliabue 2, Leva 2, Zandalasini 13, Pellegrino 7. All.: Piatti.
NOTE: T.2 17/37. T.3 5/16. T.L 7/8.
ARBITRI: Del Felice di Monza e Balzarini di Milano.

CREMA- Broni espugna di misura il campo della Tec-Mar Crema, al termine di una partita molto combattuta e decisa da un fallo tecnico a sfavore della formazione cremasca a 1′ dalla fine quando il match era in totale equilibrio sul 51-52 per Broni. I tiri liberi di Zamelli e il canestro di Surkusa a 20” dalla fine davano la vittoria alla formazione bronese per 51-56.

Crema ha giocato questa partita ancora senza la lunga Cerri e la bomber Losi, in panchina solo per onor di firma, ma nonostante ciò Crema ha giocato alla pari di Broni per tutto l’arco dei 40′. Le cremasche hanno comunque sbagliato molto al tiro, specie da fuori, ma nel complesso si sono distinte per una buona difesa . Partenza contratta delle due formazioni, Broni trova il primo allungo al 3’sul 4-5 con Zamelli e ancora Zamelli trova al 4′ il 4-7. La formazione pavese trova maggiore fluidità al tiro, ma nonostante ciò Crema riesce a trovare il pari sul 9-9 al 8′ con Sforza. Una tripla di Bergante e il canestro di Zandalasini riportano Broni avanti per 9-14 al 9′; due liberi della giovane Sforza quasi sulla sirena ridanno il meno 3 alla Tec-Mar sul 11-14.

Nel secondo quarto Crema partiva subito bene, andando sul 16-14 al 11′ con i canestri di Picotti e grazie ad una tripla di Rizzi. Broni non mollava e sfruttando i canestri di Leva e Tagliabue ritornava avanti per 18-16 al 15; il ritmo della partita era molto alto, anche se le due squadre faticavano a trovare la via del canestro, sbagliando anche facili conclusioni. Crema provava a rifarsi avanti sul 21-18 con un canestro di capitan Caccialanza e andava al riposo avanti per 23-22. Al ritorno in campo la Tec-Mar trovava subito la via del canestro con una tripla di Capoferri (26-22 al 11′). Le due formazioni si affrontavano a viso aperto, con grande intensità ma erano sempre tanti gli errori al tiro da entrambe le parti. Surkusa con due canestri da sotto pareggiava i conti sul 26-26 al 24′, ma Caccialanza non mollava riportando la Tec-Mar avanti per 33-31 al 27′. Negli ultimi 3’del terzo quarto monologo bronese con Surkusa che segnava da fuori sulla sirena il canestro per 33-41 (break di 0-10), dando il primo allungo importante alla propria squadra.

Crema rispondeva a inizio dell’ultimo quarto con Capoferri per il 35-41 al 31′, ma Broni allungava arrivando al massimo vantaggio a suo favore per 35-46 del 32′ con Pellegrino. Le padrone di casa con un break di 8-0 in meno di 2′ firmato da tue triple (Rizzi e Picotti) e un canestro in penetrazione di Caccialanza ritornava sotto sul 43-46. La partita era in totale equilibrio, con Crema che con un break di 8-0 passava dal 43-49 del 35′ al 51-49 del 37′ con due triple di capitan Caccialanza e un canestro di Capoferri. Zandalasini con un canestro più libero aggiuntivo ridava il vantaggio a Broni sul 51-52. Il finale poi vedeva il fallo tecnico fischiato a coach Giroldi e i liberi di Zamelli e il canestro di Surkusa davano la vittoria alla formazione pavese. Per Crema una sconfitta indolore che permette alle cremasche di rimanere sempre solitarie al quarto posto della classifica con 30 punti, in attesa delle ultime due partite di campionato in trasferta sul campo di Valmadrera e poi in casa contro le triestine di Muggia.