A2Sud: La Spezia fa valere il fattore campo e va 1-0 nella serie con Napoli

0

ELITE VIRTUS LA SPEZIA: Flippi 13, Montanaro 7, Accini 5, Canova ne, Quarta 8, Contestabile 4, Napoletano ne, Laterza 5, Gentile 5, Mugliarisi 2. All. Barbiero.

SACES NAPOLI: Bove, Ntumba 7, De Luca ne, Calamai 7, Cupido 9, Tomlinson 9, Moretti, Bocchetti 8, Boretti ne, Di Costanzo. All. Monda.

ARBITRI: Giusto e Canazza.

NOTE: La Spezia: t2 10/42; t3 6/11; tl 11/14. Napoli: t2 15/35; t3 0/8; tl 10/20. Rimbalzi: La Spezia 39, Napoli 32. Uscite per cinque falli: Ntumba.

La Spezia, 13 aprile 2013 – La Saces Dike Napoli non riesce nell’impresa di espugnare La Spezia in gara 1 e dovrà adesso cercare di impattare la serie fra una settimana al PalaVesuvio. Il primo quarto non offre spunti interessanti, si sbaglia tantissimo da ambo le parti complice anche la tensione, col punteggio che ne risente decisamente. La Accini e la Gentile si esibiscono nella loro specialità con due triple, ma Napoli replica coi canestri da sotto della Tomlinson e della Ntumba, fallendo però ben sei tiri liberi su otto: nonostante ciò però la Dike chiude avanti al primo intervallo (8-10). Ad inizio secondo quarto è ancora la Accini a colpire, seguita dalla Montanaro che riporta avanti le liguri, prima che la Tomlinson impatti a quota dodici, facendo restare il match sui binari del grande equilibrio. Per Napoli si sblocca anche la Bocchetti, ma le percentuali di entrambe le squadre rimangono bassissime e lo score è più quello di una partita di minibasket che di una semifinale play-off: un libero della Ntumba consente comunque alla Saces di riportarsi sotto a -1 dopo un miniparziale spezzino (18-17 al 18′). Gli ultimo minuti del secondo quarto sono targati Sara Bocchetti, con la guardia partenopea che piazza quattro punti consecutivi e porta Napoli avanti sul 18-21, prima che una bomba della Quarta mandi le squadre all’intervallo lungo sul 21-21. Anche il terzo quarto vede le squadre giocarsela punto a punto, con La Spezia che trova i punti della Filippi (fra cui una tripla) e della Mugliarisi e la Saces che risponde con la Cupido ed un gran gioco da tre punti della Tomlinson che mantiene il punteggio di parità a quota trenta al 26′. Ancora la Quarta colpisce dall’arco dei 6,75, mentre Napoli dalla lunga distanza ha le polveri bagnate, quindi all’ultimo intervallo è costretta a inseguire, sotto di quattro lunghezze (36-32). Anche nell’ultimo periodo gli attacchi vengono contenuti benissimo dalle difese avversarie, a tutto vantaggio di La Spezia che approfitta di un parziale di 4-4 che dura cinque minuti per mantenere immutato il distacco (38-34 al 35′), ma ancora una volta a fare la differenza è la percentuale al tiro da tre punti, con la Filippi che piazza una bomba mortifera che vale il 41-35 a tre dal termine. La Saces prova ancora a rientrare ma al tiro non è serata e La Spezia dalla lunetta trova i punti che chiudono il match. Finisce 49-40, ma Napoli ha raccolto indizi importanti per potersi giocare la serie fino alla fine.