A2-Buzzer beater di Rosellini, Empoli stende Orvieto

0

imageLe squadre

Empoli si presenta con Calamai, Rosellini e Pochobradska non in condizioni ottimali e una partita, quella contro Castelnuovo Scrivia persa. Nonostante le difficoltà riscontrate in settimana coach Cioni prepara al meglio la partita. Nota positiva: il rientro di Gimignani, out per tanti mesi a causa di un infortunio. Orvieto ha tutte le giocatrici a disposizione.

La partita

Use Scotti Empoli: Rosellini 17, Calamai 7, Gimignani, Manetti ne, Sesoldi, Chiabotto, Fabbri L., Pochobradska 23, Fabbri F. 3, Van Der Wart, Narviciute 13, Posarelli ne.

Ceprini Costruzioni Orvieto: Grilli, Falanga 3, Mazyonite 17, Bonasia 8, Gaglio 5, Manzotti 5, Boni, Manfré 13, Brunelli 11, Armenti ne.

L’allenatore empolese parte con le solite Calamai in regia, Fabbri L. e Rosellini da esterne e la coppia Narviciute-Pochobradska nel pitturato. Coach Romano schiera uno dei quintetti più forti del campionato: Bonasia, Brunelli, Manzotti, Manfré, Mazionyte.

Parte subito forte la Ceprini che si porta sul 5-0 grazie a Brunelli, tripla, e Manfré dopo 2′ di gioco. Empoli è viva e ricuce con Rosellini, prima tripla della sua serata, e Pochobradska. La difesa dell’Use è attenta e questo le permette di involarsi in contropiede, portando il punteggio sul 18-12 al settimo minuto. A pochi secondi dal termine del primo quarto due falli discutibili della compagine toscana permettono a Orvieto di rientrare ma Empoli chiude in vantaggio 23-16 grazie ad una monumentale Pochobradska (11 punti, saranno 23 alla fine).

Il secondo quarto si apre con un fallo in attacco di Manfré ma bisogna aspettare 2′ per vedere segnare ed è ancora l’asse RoselliniPochobradska: assist della prima per il pivot. In casa Orvieto è Brunelli (11 punti finali) a suonare la carica per le sue. Empoli non riesce più a concretizzare e coach Cioni è costretto a chiamare time out a causa di un calo di tensione che permette alla squadra ospite di rientrare sul 25-21. È il momento di Narviciute che mostra tutto il suo atletismo con continue stoppate. Al 4′ la partita è di nuovo in parità: Manfré e Mazyonite impattano a quota 25. La partita è tiratissima e le squadre ribattono colpo su colpo: ancora Rosellini e Pochobradska per il nuovo vantaggio empolese ma è Orvieto a chiudere sopra 34-33 al 20′.

L’Use risente della settimana difficoltosa e non riesce a difendere in maniera aggressiva permettendo alla Ceprini di allungare sul 38-33 grazie alle iniziative di Mazyonite (17 punti al fischio finale). Empoli ha cuore e al 6′ torna in vantaggio: è la squadra a fare la differenza, ma due ingenuità di Calamai (palla persa e fallo antisportivo) permettono a Orvieto, prima di recuperare e poi di sorpassare la squadra biancorossa. È proprio la squadra ospite a sembrare più attenta e pronta ma di nuovo una tripla (da 8m) della specialista Rosellini riporta Empoli a contatto sul 48-46 Orvieto. Da segnalare l’uscita di Pochobradska che resta in panchina per metà terzo quarto.

Succede di tutto nei primi minuti dell’ultimo periodo: autocanestro sfortunato di Orvieto e subito dopo tripla da distanza siderale di Brunelli, ultimo sussulto della sua partita. Le squadre continuano a rispondersi colpo su colpo: Rosellini ha la mano calda e impatta, a 2′ e 30 dal fischio finale, a quota 58. Due canestri in contropiede sbagliati da Empoli e Orvieto si porta in vantaggio 62-58 grazie a due canestri di una Bonasia fino a quel momento poco incisiva. Narviciute risponde per il 62-60 e nell’azione successiva stoppa Brunelli. Coach Cioni con 12″ sul cronometro disegna una rimessa che porta Calamai a sbagliare il tiro del possibile pareggio ma dopo una buona circolazione di palla è sempre la guardia montecatinese a firmare il definitivo vantaggio toscano, il tiro di Bonasia si spegne sul ferro. La festa è biancorossa. Empoli riscatta la sconfitta dell’andata e si conferma al secondo posto dietro Sesto San Giovanni.

MVP: Francesca Rosellini, 17 punti per lei, il 42% da 3 e il buzzer beater. Cosa chiedere di più?

Le parole a caldo di coach Cioni: “Siamo stati bravi a mantenere la concentrazione anche quando la partita si è incanalata sui binari di Orvieto. Il primo quarto abbiamo fatto la partita perfetta, gestendo al meglio ogni pallone e difendendo in modo aggressivo ma a causa degli allenamenti difficoltosi di questa settimana nel secondo e terzo quarto la nostra lucidità è calata. Il cuore delle ragazze e l’orgoglio ci hanno permesso di portare a casa la vittoria contro una delle squadre più competitive del campionato. Fiero delle mie ragazze.”

Rosellini commenta così: “Una grande emozione, all’andata avevano vinto loro di 1. Oggi siamo state brave noi a non mollare anche nei momenti di difficoltà. Felice di aver portato a casa una vittoria importante come questa.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here