Conad Cup – Lucca, è impresa! Batte Ragusa e sfida Schio per la finale

0

Grande cornice di pubblico al PalaMinardi e febbre alta in città per l’attesa seconda semifinale di Conad Cup che vedeva di fronte le padrone di casa della Passalacqua Spedizioni e la Gesam Gas Lucca.

Coach Molino opta per il quintetto titolare, composto da Micovic, Gatti, Williams, Walker e Malashenko sebbene la Williams sia reduce da un infortunio che la ha costretta praticamente a non allenarsi nelle ultime due settimane; Diamanti risponde con Dotto, Bagnara, Mahoney, Jones ed Halman.

Le biancoverdi partono molto contratte forse per via della grande attesa dell’incontro, ed il canestro si fa piccolissimo: solo tre volte a segno dal campo e due tiri liberi per gli otto punti della prima frazione. Lucca difende con concentrazione ed è fluida in avanti: nei primi dieci minuti Halman mette a segno otto punti, Jones cinque ed il parziale si chiude sull’ 8-17.

Ragusa tuttavia è troppo brutta per essere vera, e dopo due punti di Crippa dalla lunetta che portano in vantaggio biancorosso in doppia cifra e ancora una marcatura di Halman si scatena Riquina Williams, che aveva messo a segno solo un punto nel primo quarto: dodici punti di fila con due triple, conditi dai canestri di Malashenko e Walker. Lucca prova a rimanere in scia con una tripla di Bagnara e poi Mahoney, ma la Passalacqua è scatenata ed arriva il primo sorpasso interno sul 27-26, seguito da un ulteriore parziale di 9-2 che fa scappare il risultato fino al 36-30 della sirena.

La ripresa del gioco dopo l’intervallo sembrerebbe confermare l’inerzia del secondo: la Williams mette a segno altri cinque punti e con la sua tripla Ragusa tocca il proprio massimo vantaggio (+9); Mahoney tuttavia risponde colpo su colpo, poi si scatena Whitney Jones che con otto punti di fila firma un parziale di 5-14, fino al canestro di Bagnara che riporta il risultato in parità sul 46-46.

L’imprendibile Halman, vera dominatrice dell’incontro, firma i due punti che significano nuovo soprasso Lucca ed il 48-49 che introduce all’ultimo periodo.

In apertura di quarto quarto Lucca ha più benzina delle avversarie, e scappa sul +5 grazie a Dotto, Jones ed Halman; a rimettere i giochi in parità ci pensa ancora una volta Riquina Williams con cinque punti di fila.Due tiri liberi di Halman riportano avanti Lucca (57-59), poi Gatti perde palla, si aggrappa all’avversaria e le viene fischiato un antisportivo, la panchina protesta e scatta il tecnico per quattro tiri liberi consecutivi per le ospiti. Alle biancorosse tuttavia tremano le mani, e segnano solo una volta dalla lunetta; sul possesso extra, tuttavia, arriva il quinto fallo di Walker e Halman fa 2/2 per il momentaneo 57-62.

Ancora Williams prova a tenere in corsa le compagne, ma Lucca è più tonica e Mahoney risponde alla connazionale, che va a segno con altri due tiri liberi per il -3 Ragusa che fa entrare il match nell”ultimo giro di lancette; nel possesso successivo Halman dalla lunetta fa uno su due, Williams si prende un tiro impossibile che rimane cortissimo e costringe le compagne al fallo sistematico. Lucca diventa infallibile al tiro libero e conquista la finale con il risultato di 61-69, lanciando la propria sfida al dominio arancione di Schio. Ci voleva una impresa per centrare il risultato, ed è arrivata grazie ad prestazione di grande carattere delle toscane che arrivavano alle final four di Coppa Italia reduci da settimane abbastanza difficili: decisivo per il successo finale il dominio sotto le plance (42 rimbalzi contro i 28 delle siciliane) con le lunghe capaci di mettere a ferro e fuoco l’area avversaria (Halman 22 punti, Jones 15) e Mahoney (14) solita indispensabile trascinatrice nei momenti difficili.

Quanto a Ragusa, è stata fatale la partenza a rilento (otto punti nel primo quarto) e forse il nervosismo dovuto alla chance di giocarsi davanti al proprio pubblico la Coppa Italia; per la prima volta le padroni di casa avevano dalla loro il favore del pronostico e l’obbligo di vincere, ed una tale pressione si è rivelata non semplice da sopportare, sopportuno per una squadra che, anche se non sembra, è solo al primo anno di serie A1. Domani alle ore 17 dunque l’ennesimo capitolo di una rivalità che sta diventando un classico: ancora una volta Lucca cercherà di strappare il titolo alla corazzata di Patron Cesaro.

Passalacqua Ragusa – Gesam Gas Lucca 61 – 69 (8-17, 36-30, 48-49)

PASSALACQUA RAGUSA: Micovic M. 2 (1/2, 0/1), Gatti G. 2 (1/5, 0/3), Mauriello P. , Galbiati V. 4 (2/2), Williams R. 27 (4/11, 4/10), Walker A. 12 (4/8), Malashenko O. 14 (4/7, 1/4), Sorrentino S. NE , Wabara N. (0/1), Soli A., Valerio L. (0/1), All. Molino Antonio

GESAM GAS LUCCA: Mahoney M. 14 (4/11, 0/2), Dotto F. 6 (1/2, 0/1), Giorgi S. NE , Mei C. NE , Bagnara B. 8 (1/3, 2/3), Crippa M. 2 (0/2), Gianolla A. , Bona S. 2 (1/2), Jones W. 15 (6/6), Halman N. 22 (8/17), All. Diamanti Mirko

ARBITRI:Antonio Migotto, Silvia Marziali, Valentina Nioi

NOTE: uscita per 5 falli Walker Ashley Janeen

Passalacqua Ragusa tiri da due 16/37 (43,2%), tiri da tre 5/18 (27,8%), tiri liberi 14/21 (66,7%), rimbalzi dif. 24, off 4, palle perse 6, rec. 13.

Gesam Gas Lucca tiri da due 21/43 (48,8%), tiri da tre 2/6 (33,3%), tiri liberi 21/31 (67,7%), rimbalzi dif. 34, off 8, palle perse 12, rec. 6.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here