Eurocup Women, Schio non è bellissima e Orenburg ne approfitta: PalaRomare espugnato!

Eurocup Women, Schio non è bellissima e Orenburg ne approfitta: PalaRomare espugnato!

L’andata delle semifinali della seconda manifestazione continentale sorride alla squadra russa, ma Schio riesce a limitare i danni in vista del ritorno. Dominante Bripnna Jones.

di Ario Rossi

Famila Beretta Schio – Nadezhda Orenburg 61-67 (10-19, 36-39, 47-53)

Allie Quigley

PRIMO QUARTO

Inizio a rilento delle due squadre che perdono tanti palloni, sia da una parte che dall’altra; le russe, tuttavia, riescono a creare tante seconde opportunità grazie ai rimbalzi offensivi di Brionna Jones: lei e Nicholls segnano i primi 9 punti di Orenburg, mentre Schio fa fatica – pesa il secondo fallo di Gruda dopo soli 4′ – e si affida a Quigley e Lavender (6-9 al 7′). La tripla di Ygueravide e il canestro da sotto di Jones non fermano la deriva scledense: Quigley con 4 di fila scuote le ragazze venete (10-16) ma la tripla sulla sirena di Wheeler chiude il primo quarto sul 10-19.

SECONDO QUARTO

Ygueravide trova una bomba di tabella sulla sirena dei 24″ per l’immediato +12. Coach Vincent prova a scuotere le ragazze prendendosi fallo tecnico, ma non basta per riemergere dalla doppia cifra di ritardo. Battisodo e Lavender per il 18-25 ma la tripla di Shilova dall’angolo riporta a +10 il Nadezhda (20-30 al 15′). Dopo il timeout, Schio mostra carattere in difesa e si riporta fino a -6 sull’asse Quigley-Battisodo, ma le soliti Nicholls e Jones riportano le russe a +11, con la lunga #42 già a quota 16 punti (26-37 al 17′). Il rientro di Dotto è fondamentale. La playmaker padovana recupera, segna, recupera di nuovo e serve l’assist per Quigley: Schio rientra definitivamente con un parziale di 10-2 che fissa il risultato di metà gara sul 36-39 per Orenburg.

TERZO QUARTO

Dotto riprende da dove aveva finito: serve l’assist per Lavender, segna due canestri per il primo vantaggio interno della serata (42-41 al 23′). Gruda si guadagna un antisportivo – terzo fallo personale di Yguravide – e si iscrive finalmente a referto: da quel fischio Schio segna solo un punto e le russe invece ben quattro (43-45 al 25′). Si segna poco in questo terzo periodo, ma da menzionare sono i tre falli personali delle due lunghe scledensi, Gruda e Lisec (44-49 al 28′). Quigley da fuori risponde al dominio sotto canestro di Jones, ma è poi Wheeler ancora sulla sirena a fissare di nuovo il +6: 47-53 Nadezhda al 30′.

QUARTO QUARTO

Lavender segna dalla media per il -4, ma poi un 3/4 ai liberi porta Ygueravide e Wheeler in doppia cifra personale: Quigley ancora da fuori per il nuovo -4, ma il jumper di Wheeler riporta le russe avanti di 6 (52-58 al 33′). Coach Vincent ferma tutto con un timeout, ma Schio sembra essere ritornata al torpore offensivo del primo periodo: 52-61 al 35′ per il Nadezhda. Crippa e poi Gruda – per la prima sono i primi punti della partita, per la seconda è il primo canestro dal campo – riportano a due possessi di distanza il Famila. Orenburg domina a rimbalzo d’attacco (ben 14 a metà dell’ultimo quarto) e stacca di nuovo le venete tornando a +9. Da lì in poi Schio continua a far fatica a segnare, ma riesce a limitare i danni fermando l’attacco di Orenburg: la tripla di Quigley si stampa sul ferro e quindi il risultato finale è 61-67 per il Nadezhda. 

Il ritorno si giocherà ad Orenburg giovedì prossimo e per volare in finale (contro la vincente di Girona-Montpellier finita 66-69) di Eurocup Women, seconda manifestazione continentale per club.

Schio: Quigley 24, Dotto 7, Gruda 5, Crippa 4, Lavender 13, Lisec 4, Gemelos, Battisodo 4, Andre, Fassina, Filipp NE, Masciadri NE

Orenburg: Shilova 4, Ygueravide 12, Nicholls 7, Jones 25 (13 rimbalzi), Wheeler 16, Medvedeva 3, Novikova, Tikhonenko, Burik NE, Fedorenkova, Maiga NE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy