F4 Coppa Italia A2: San Martino resiste tre quarti, poi Ragusa conquista la finale

0

La Passalacqua Trasporti Ragusa raggiunge in finale l’Umana Reyer Venezia superando le padrone di casa della Fila San Martino di Lupari 49-58. Saranno così le due formazioni già promosse in A1 a contendersi domani la coppa Italia di serie A2 organizzata da A.S. San Martino e EDSport.
La seconda semifinale inizia nel clima assordante dei sostenitori della squadra di casa. Ragusa ha un buon iniziaticano a sbloccarsi: gli errori si susseguono da una parte e dall’altra: a metà periodo il punteggio è di 6-9. Granzotto da tre impatta sull’11-11 e poi addirittura opera il sorpasso in contropiede (13-11). Il match si accende e si viaggia punto a punto sino a fine quarto. La solita Granzotto mette un’altra tripla e si va al primo riposo dopo i liberi sbagliati da Papamichail e l’errore sulla sirena di Aleotti (16-15).
Nella seconda frazione l’equilibrio permane (18-18), poi per tre minuti non segna più nessuno, nonostante i due coaches ruotino le proprie giocatrici. Dopo il time-out chiamato da Larry Abignente, il punteggio si muove grazie alle triple di Cattapan e Sarni (21-23), poi un gioco da tre punti di Jagodic riporta avanti le padrone di casa (24-23). Nel finale di tempo le siciliane rimettono il naso avanti grazie ai tiri liberi di Sarni e Papamichail (24-27). Ragusa ha più volte la possibilità di allungare, ma fallisce facili conclusioni e San Martino risorpassa grazie a Cattapan e Sandri (28-27).
Nel terzo quarto il punteggio non si scolla per più di tre minuti, il primo cesto è di Mauriello per il 28-29. La tensione è alta, le Lupe sono quasi sempre costrette a tirare sul filo dei 24 secondi e il digiuno prosegue: i primi punti gialloneri arrivano con Stoppa dopo 4 minuti e mezzo (30-31). Stavolta è Ragusa a litigare con il canestro e San Martino, spinto dal proprio pubblico, si issa sul massimo vantaggio (36-32). Mauriello non ci sta e infila la tripla del 36-35, prima del nuovo sorpasso ospite con Micovic (36-37). Nell’ultimo minuto segnano Jagodic e ancora Micovic e all’ultimo intervallo il tabellone recita 38-39. La frazione conclusiva si apre con la tripla di Mauriello (38-42), le Lupe commettono infrazione di 24 secondi e costringono Abignente a chiamare time-out. Sandri e Aleotti impattano (42-42), prima dello 0-4 tutto firmato da Sarni per il 42-46. A metà quarto Ragusa è ancora a +4 (44-48), la lotta è durissima, Aleotti sigla il 46-48, ma San Martino fallisce più volte il pareggio, con Micovic che non perdona da tre (46-51). A 100 secondi dalla fine il canestro da fuori di Papamichail ricaccia indietro le Lupe (47-53) che non mollano sino alla tripla di Sarni che chiude i conti (49-56) prima dell’ultimo cesto dell’mvp Papamichail (doppia doppia per lei: 13+11) per il già citato 49-58 finale.

Fila San Martino-Passalacqua Ragusa 49-58 (16-15, 28-27, 38-39)

BASKET SAN MARTINO: Costacurta ne, Scappin ne, Pegoraro 2 (1/5), Granzotto 8 (1/3, 2/3), Cattapan 5 (1/2, 1/6), Stoppa 6 (1/4, 1/2), Aleotti 5 (2/8, 0/2), Sandri 9 (4/6), Jagodic 10 (5/7), Sbrissa 4 (2/4). All. Abignente (tl 3/5).

BASKET RAGUSA: Micovic 12 (2/5, 2/4), Caliendo 3 (0/5, 1/2), Mazzone ne, Chimenz ne, Galbiati 5 (2/5, 0/4), Mauriello 11 (4/11, 1/3), Papamichail 13 (5/9), Sarni 12 (2/3, 2/3), Soli (0/1), Valerio 2 (1/4). All. Molino (tl 8/14).

ARBITRI: Capotorto di Roma e Bellucci di Livorno.

NOTE: Spettatori 1000 circa. Uscita per 5 falli Stoppa (40′). Tiri da due: San Martino 17/39, Ragusa 16/43. Tiri da tre: San Martino 4/13 Ragusa 6/16.

VISITA LA FOTOGALLERY A CURA DEI NOSTRI INVIATI