High School BasketLab, parla coach Lucchesi:”La A2 è dura ma l’obiettivo è quello di alzare l’asticella”

High School BasketLab, parla coach Lucchesi:”La A2 è dura ma l’obiettivo è quello di alzare l’asticella”

Primo bilancio dell’allenatore.

di La Redazione
Dopo cinque giornate di campionato è già tempo per un mini-bilancio per Giovanni Lucchesi, responsabile tecnico del progetto High School BasketLab. Le sconfitte non hanno minimamente scalfito lo spirito della squadra, perché l’impatto complesso con le difficoltà del secondo campionato nazionale era atteso ma le finalità del progetto rimangono chiare e definite.

E’ la terza stagione di HSBL, come si è evoluto il progetto negli anni?
“Il programma di lavoro viene portato a termine. Il primo anno abbiamo svolto “solo” lavoro in palestra sui fondamentali e sul miglioramento individuale sia tecnico che fisico. Abbiamo scelto di dedicare il tempo di squadra solo ad attività internazionale attraverso l’EGBL. Il secondo anno abbiamo mantenuto l’attività EGBL e aggiunto un campionato giovanile di categoria d’età superiore; il terzo anno infine era il momento del campionato Senior e la scelta condivisa con tutti è stata quella della serie A2. Siamo partiti con ragazze delle annate 2003 e un elemento del 2002, abbiamo aggiunto nella seconda stagione atlete del 2004, nel terzo anno a fronte di alcune uscite volontarie abbiamo inserito Savatteri del 2001 e Blasigh del 2004 con l’obiettivo preciso di offrire lavoro in palestra e minuti in un campionato impegnativo com l’A2. L’evoluzione sta nella linearità delle scelte, nella serenità del lavoro, nella capacità di fronteggiare compatti le emergenze di vario tipo. Le ragazze hanno dimostrato davvero etica del lavoro e il loro crescere come persone è il simbolo dell’evoluzione del progetto, al di là dell’aspetto squisitamente tecnico”.

La scelta di confrontarci con un campionato competitivo come quello di A2.
“L’A2 è dura per queste ragazze, ma l’obiettivo è stato quello di alzare l’asticella per “offrire” un contesto di competitività fisico atletica e fornire uno stimolo di “mestiere” quasi sconosciuto per queste giovanissime. La scelta di Savatteri, ad esempio, è stata fatta per permettere a una lunga di 1.90 di stare in campo per prove ed errori senza l’angoscia del risultato e della prestazione a questo funzionale”.

Le impressioni dopo le prime giornate.
“La scelta è stata meditata e ancor più di prima sono convinto che è stata giusta e utile. Ringrazio Federazione e Lega che in sinergia hanno permesso di disputare il campionato senza ledere i diritti o i meriti di chicchessia. I luoghi comuni a volte imperano e rendono oscuri i confronti che sono alla base della crescita di tutti. L’obiettivo restano le atlete, giovani, a cui viene offera una possibilità in più. E al centro del progetto ci sono loro, non gli interessi personali”.

Quanto le prime sconfitte stanno servendo alle ragazze nel loro percorso di crescita?
“Ci stanno e sono ovviamente lo stimolo per analizzare il vissuto sul campo e migliorare il “dopo”. Occorre una grande serenità e questa usiamo spostando l’attenzione verso un concetto semplice semplice: la vittoria sta nel miglioramento tecnico fisico e mentale, la sconfitta sta nell’accettazione del proprio limite; il divertimento vero sta nel riuscirci. Quello che leggiamo sul tabellone ha una valenza molto molto diversa e questo ovviamente è un privilegio se si continua il percorso sia pur obiettivamente in salita per la attuale diversa competitività di esperienza”.

Quali gli obiettivi a medio termine e per la fine della stagione?
“Migliorare l’approccio mentale alla gara, verso il raggiungimento di un livello più alto di “durezza”, di concentrazione, di disponibilità al confronto fisico, di disponibilità all’espressione dell’atletismo a disposizione. E poi la crescita nei fondamentali, sia da un punto di vista esecutivo che applicativo contro avversarie che nella maggior parte dei casi hanno un bagaglio di esperienza ben diverso e quei fondamentali ti costringono ad usare sempre meglio”.

La classifica del campionato di A2
Classifica: La Molisana Campobasso 10, Farmacia del Tricolle Basket Ariano Irpino 8, Nico Basket Femm. 8, CA Carispezia Cestistica Spezzina 6, La Bottega del Tartufo Umbertide 6, Cus Cagliari 6, San Salvatore Selargius 6, E-Work Faenza 4, Jolly Acli Livorno 4, RR Retail Galli San Giovanni Valdarno 4, Virtus Surgical Cagliari 4, Belli 1967 Viterbo 2, Fe.Ba. Civitanova Marche 2, Gruppo Stanchi Athena Roma 0, High School BasketLab 0.

Le giocatrici
Arianna Arado (2004, 1.82, A, Amatori Savona)
Vittoria Blasigh (2004, 1.74, P, Sporting Udine)
Valentina Braida (2003, 1.80, Sporting Udine)
Ashley Chinenye Egwoh (2002, 1.85, Lumaka Reggio Calabria)
Promise Nne Dinma Keshi (2003, 1.77, Raptors Basketball Mestrino)
Vittoria Lavinia Lanzilotti (2004, 1.82, A, Milano Basket Stars)
Caterina Logoh (2003, 1.75, Vis Castelfidardo)
Laura Medeot (2003, 1.85, A, Alba Cormons)
Anna Daria Rescifina (2003, 1.79, Giuseppe Rescifina Messina)
Sara Ronchi (2003, 179, Biassono)
Lucia Adele Savatteri (2001, 1.91, C, Eirene Virtus Ragusa)
Stefania Susca (2004, 1.82, A, I Delfini Monopoli)
Sofia Varaldi Taeko (2003, 1.85, Laposmile Torino)
Sara Volpe (2003, 1.77, Libertas Gym and Basket)

Lo Staff
Delegata al Progetto: Mara Invernizzi
Responsabile Organizzativo: Marco Gatta
Responsabile Tecnico: Giovanni Lucchesi
Assistenti: Davide Malakiano, Angela Adamoli
Tutor: Carolina Gatta
Staff Medico e Fisioterapico designato dal CONI

Ufficio Stampa FIP
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy