La Matteiplast Bologna rinuncia alla serie A1. Campionato dispari?

La Matteiplast Bologna rinuncia alla serie A1. Campionato dispari?

La Matteiplast ha comunicato a Protani che non farà il campionato di A1 e A2.

di Daniele Tagliabue, @Danyboy1991

E adesso è davvero finita. Non sembrano esserci più spiragli nella vicenda della Matteiplast Bologna. Nessun dietrofront da parte del patron Civolani, che questa mattinata nel consueto spazio radio ha comunicato quanto segue: “Il vicepresidente della Matteiplast ha detto a Protani che la Matteiplast non si iscriverà al campionato di A1 e A2 poichè senza sponsor, giocatrici e strutture adeguate non si va da nessuna parte. Adesso valuteremo se fare la serie B o la Serie C. L’allenatore designato sarà Massimo Borghi che ha già promesso nuove giocatrici. Servono però dei soldi e come tale attendo delle decisioni dalla Matteiplast per capire se vuol rimanere anche in un campionato inferiore. Penso che a 83 anni con una salute così così abbia già dato tanto a questo sport. Vorrei comunque fare qualcosa per guardare la sera una mia squadra piuttosto che Pippo Baudo in televisione“.

Una notizia che era ormai certa e che apre quindi nuovi scenari sul nuovo campionato di A1. Con Alpo sconfitta sul campo nello spareggio e che fin da subito si è tirata indietro con una rivoluzione tecnica del roster in atto, le alternative portano dritto a Moncalieri e Campobasso in rigoroso ordine di possibilità. Le ultime notizie raccontano però che nessuna delle due pare sia intenzionata a rilevarne il posto aprendo così un clamoroso scenario di campionato dispari nella massima serie. Per quanto riguarda il fronte giocatrici alcune di loro potrebbero addirittura smettere (Nannucci e Tava in primis) mentre altre sembrano destinate verso altri lidi con un nome su tutti pronto a far impazzire radio mercato: Elisabetta Tassinari è infatti al centro di numerose voci e potrebbe esser la prima a trovare una nuova destinazione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy