L’Angolo del coach: il punto sulla decima giornata di A2 Girone Sud

Il consueto appuntamento settimanale con coach Fabio Pozzi che analizza l’ultimo turno di campionato.

di La Redazione

ARTICOLO A CURA DI FABIO POZZI

Nuovamente solo tre partite giocate nel decimo turno del girone sud. Sardegna terra di conquiste da parte di Brixia Basket in casa della Virtus mentre Umbertide in casa di Selargius. Brixia Basket vince la sua ottava partita consecutiva e rimane momentaneamente in testa alla classifica. Nulla possono le ragazze di coach Ferrazzoli, scese in campo con tante assenze, contro l’agonismo delle ospiti che cominciano a vedere sempre meglio inserita Olajide che chiude con 11 punti e 9 rimbalzi. In casa cagliaritana 23 punti per Zolfanelli ed ottime prestazioni delle giovani 2002 Conte e Pala. Nel prossimo turno Lussu e compagne saranno di scena a Bolzano in una sfida molto importante in cui potrebbero sfruttare il lungo stop forzato delle bolzanine. Nel big match di giornata Umbertide espugna il campo di Selargius grazie ancora una volta ad un’ottima prestazione di Pompei autrice di 22 punti e 6 assist. Le ragazze di coach Fioretto sono protagoniste di un ottimo primo tempo ma subiscono nel secondo le maggiori rotazioni a disposizioni delle umbre e con il passare dei minuti perdono intensità. Ancora out Simioni, ottima prestazione balistica di Manzotti che chiuderà la gara con 27 punti e 5/9 da tre punti. Per le umbre ora un turno di riposo, salta così l’atteso incontro con San Giovanni Valdarno.

ANALISI DELLA PARTITA DI GIORNATA: La Spezia vince l’incontro contro una tenace Livorno dopo essere stata sotto anche di 15 punti ad inizio terzo quarto mantenendosi così a ridosso delle prime posizioni di classifica. Le ragazze di Corsolini subiscono la grande energia delle ospiti che partono a spron battuto con un parziale di 10 a 0 fino ad arrivare al 20 a 4. Solo un parziale di 8 a 0 verso la fine del quarto permette alle padrone di casa di ridurre il gap. Protagoniste dei primi dieci minuti di gioco Evangelisti che punisce dalla lunga distanza e Guilavogui sotto canestro. Anche il secondo quarto è di marca livornese mentre le spezzine fanno fatica a sfruttare i vantaggi in post basso. Orsini e compagne uscendo dagli spogliatoi arrivano ad avere 15 punti di vantaggio sul 39 a 24 ma a quel punto Pachovski si prende sulle spalle le proprie compagne e con sette punti suona la carica per la rimonta locale. Sarni comincia finalmente a macinare gioco in post basso mentre sul fronte labronico solo Degiovanni sembra riuscire ad impensierire la difesa avversaria. Le ragazze di coach Pistolesi cominciano a soffrire troppo l’intensità difensiva delle padrone di casa e si limitano a ribaltamenti di palla e pick and roll che non producono vantaggi. Nell’ultimo quarto Pachovski riesce ad andare al ferro con maggiore facilità e nonostante le ospiti provino a resistere attaccando il ferro con più verticalità è Templari a chiudere la partita con due triple finali. Rammarico per la squadra livornese  che torna dalla trasferta spezzina con un’ottima prestazione contro una delle big del girone. Tanti i ribaltamenti di lato per cercare di servire il post basso o per ottenere vantaggi sui pick and roll laterali. Se nei primi 27 minuti di gioco il dinamismo ha creato grandi difficoltà alla difesa spezzina, con il passare dei minuti e l’aumento dell’intensità difensiva locale il grande movimento di palla si è trasformato in un gioco troppo perimetrale senza la possibilità di attaccare l’area. E nei momenti decisivi del match anche la difesa ha cominciato ad accusare la stanchezza lasciando troppe penetrazioni al ferro. La prestazione deve essere sicuramente vista come un bicchiere mezzo pieno in ottica della sfida casalinga del prossimo turno contro Civitanova Marche. Sospiro di sollievo invece per coach Corsolini che ha temuto per lunghi tratti di uscire nuovamente sconfitto dal Pala            Mariotti. Rimaste sorprese dalla partenza sprint delle ospiti, le spezzine si sono affidate troppo al tiro dalla lunga distanza, non riuscendo nella propria metà campo difensiva a pareggiare l’energia delle ospiti. Grande merito della rimonta va dato al proprio leader tecnico Packovski che con i suoi recuperi e la sua gestione del ritmo ha permesso alle sue compagne di prendere fiducia e di uscire dal torpore. La maggior ricerca del post basso con Sarni ed Hernandez è stata l’altra chiave di svolta della partita. Svanita forse la possibilità di raccogliere l’ultimo pass di accesso alla coppa Italia, il prossimo turno saranno impegnate in casa di una Nico Basket che, ferma da molto tempo causa Covid, potrebbe avere difficoltà nel ritrovare il ritmo partita.

QUINTETTO DELLA SETTIMANA:

Pompei (22pt, 4/6 3pt, 6ass)

Packovski (17pt, 5ass, 9fs)

Zolfanelli (23pt, 6/7 2pt)

Manzotti (27pt, 5/9 3pt)

Sarni (14pt, 9rb)

Coach: Staccini

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy