Pelander, capitana della Finlandia, al lavoro in ospedale ai tempi del COVID-19

La giocatrice finlandese racconta la sua esperienza durante l’emergenza coronavirus.

di La Redazione

L’ala finlandese Sofia Pelander, quando la pandemia ha iniziato ad attaccare l’Europa ad inizio 2020, si è trovata a lavorare in un ospedale in Svezia.

In quello che si è dimostrato un periodo difficile per l’aspirante dottoressa, Pelander ha raccontato come quell’esperienza abbia cambiato completamente il suo approccio alla vita.

“Ero nel dipartimento di urologia nel mio ruolo di Junior Doctor, e se non ho lavorato in prima persona tutti i giorni su casi da coronavirus, ho enorme rispetto per i miei colleghi che erano sempre in prima linea. Hanno lavorato con orari impossibili e con equipaggiamento di protezione molto rigido. C’era enorme pressione perché potevi essere mandato a lavorare in terapia intensiva. Abbiamo dovuto imparare cose nuove che fino a quel momento, alcuni di noi, non avevano mai fatto.”

Si è dimostrato un momento di riscoperta interiore per Sofia.

“Il basket è sempre stata la mia passione numero uno da quando sono bambina. Ma in questa lunga estate ho capito quando ami fare la dottoressa. Sono davvero entusiasta di aver trovato qualcosa per cui ho una passione tanto forte quanto quella per il basket.”

“Inoltre, ho realizzato in questi mesi che non dobbiamo dare nulla per scontato. Non sai mai quando possa essere la tua ultima partita di basket o l’ultima volta in cui parli con le persone che ami. Ovviamente dobbiamo guardare avanti senza paura, ma tenere bene in testa che tutto può succedere e quindi bisogna essere grati per quanto di buono abbiamo nella nostra vita.”

Ora Sofia è concentrate sulle qualificazioni a EuroBasket Women 2021, che vedranno la sua Finlandia in campo la settimana prossima contro Ucraina e Portogallo.

“L’ultima finestra per noi è stata deludente, ma credo che abbiamo un gruppo di giocatrici giovani e talentuose con molto potenziale. Awak Kuier credo abbia tutto per essere la migliore. È così giovane e sono super entusiasta di vedere quale sarà il suo percorso e dove riuscirà ad arrivare.”

La Finlandia giocherà le gare del proprio Gruppo G a Odivelas, in Portogallo, sfidando l’Ucraina il 12 novembre ed il Portogallo il 14 novembre.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy