A2- San Giovanni Valdarno sul velluto contro Livorno

A2- San Giovanni Valdarno sul velluto contro Livorno

RR Retail Galli San Giovanni Valdarno – Jolly Acli Livorno 80 – 53

di La Redazione

RR Retail Galli San Giovanni Valdarno – Jolly Acli Livorno 80 – 53 (25-15, 47-22, 66-41, 80-53)

RR RETAIL GALLI SAN GIOVANNI VALDARNO: Parolai, De Pasquale* 9 (2/3, 1/1), Calamai* 2 (0/1 da 3), Argirò, Bona* 18 (7/14 da 2), Rosset* 18 (5/11, 2/2), Cecili 7 (1/5 da 2), Missanelli, Manfre’* 14 (6/10 da 2), Egwho 9 (2/5, 1/1), Costa 3 (1/3 da 2)
Allenatore: Altobelli G.
Tiri da 2: 24/52 – Tiri da 3: 4/5 – Tiri Liberi: 20/23 – Rimbalzi: 35 8+27 (Cecili 7) – Assist: 12 (Rosset 3) – Palle Recuperate: 13 (Bona 5) – Palle Perse: 12 (Cecili 4)
JOLLY ACLI LIVORNO : Ceccarini, Maffei 3 (0/2, 0/1), Bindelli 8 (1/3, 2/3), Simonetti*, Orsini* 21 (6/10, 2/3), Tripalo* 7 (2/3, 1/1), Collodi* 4 (2/3 da 2), Sassetti 4 (2/2 da 2), Lucchesini* 3 (0/4, 1/2), Mandroni 3 (1/4 da 2)
Allenatore: Pistolesi M.
Tiri da 2: 14/32 – Tiri da 3: 6/13 – Tiri Liberi: 7/15 – Rimbalzi: 25 2+23 (Orsini 6) – Assist: 4 (Ceccarini 1) – Palle Recuperate: 8 (Ceccarini 2) – Palle Perse: 16 (Orsini 5)
Arbitri: Occhiuzzi G., Cavedon F.

Il Jolly Acli Basket cade, piuttosto rumorosamente, in quel di San Giovanni Valdarno (80-53). Una partita a fasi alterne per le ragazze di Marco Pistolesi, capaci di frangenti molto buoni, e di altri in cui sembrano aver perduto completamente la bussola. D’altronde , e si sapeva, la differenza fisica e tecnica tra i due roster è netta, la sconfitta quindi messa in preventivo. Il primo quarto si apre con le labroniche che provano ad arginare le scorribande locali: dopo il canestro d’apertura siglato da Tripalo, le padroni di casa piazzano un parziale (8-0), giusto per mettere in chiaro le loro intenzioni. Livorno reagisce, e col canestro di Francesca ‘bubins’ Orsini al 5’, si riporta ad un tiro di schioppo (10-9).Le rosablù, non trovano tuttavia la forza di tener botta e San Giovanni accenna la prima fuga: 25-15, chiusura di tempino. Vantaggio che si allarga in apertura del quarto successivo, 30-15 con due liberi di Egwho. Bindelli e compagne vivono minuti in balia delle avversarie, che punto dopo punto arrivano all’intervallo con un perentorio 47-22. Margine che si allarga ad inizio ripresa 53-22, e Pistolesi costretto a chiedere time out. Il rischio è quello di crollo verticale.Nel punto più basso, emerge il grande cuore delle livornesi, che, con pazienza ed applicazione, cominciano a ribattere colpo su colpo, guidate dalla solita infaticabile Orsini. La difesa migliora, in attacco qualche buona soluzione porta fieno in cascina (66-41, alla terza sirena). Anche l’ultimo quarto mantiene le stesse lunghezze d’onda. Pistolesi, nelle rotazioni, regala qualche minuto alla under Sassetti: e lei lo ripaga con quattro punti di pregevole fattura. Finale 80-53.

“Nei primi due quarti – commenta Martina Mandroni, playmaker – abbiamo subito fisicamente ed anche dal punto di vista mentale non eravamo troppo presenti.Nell’intervallo ci siamo messe davanti due possibilità : reagire o subire l’imbarcata. E abbiamo provato a reagire, lavorando duro in difesa, spingendo di più in attacco, e siamo riuscite amantenere le distanze invariate”.

Ufficio Stampa

Jolly Acli Basket

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy