Venerdì gli Oscar Donne&Basket 2019

Venerdì gli Oscar Donne&Basket 2019

La nota di LegabasketFemminile.

di La Redazione

Istituito per la prima volta nel 1996, ben prima della rivoluzione dell’Opening Day, la cui prima edizione è datata 2002, gli Oscar Donne&Basket con cui la Lega Basket Femminile premia le migliori protagoniste in campo, i tecnici e i dirigenti che maggiormente si sono distinti nella stagione precedente, celebrano a Chianciano Terme, sede del 18° Opening Day, l’edizione numero 24.
La prima a vincere il premio MVP in A1 fu Viviana Ballabio nel 1996 (nello stesso anno Marianna Balleggi vinse il premio MVP giovane e Cynthia Cooper quello per la miglior straniera), ma scorrendo l’albo d’oro è come riavvolgere il nastro della storia della pallacanestro italiana dell’ultimo ventennio.
In A1 Macchi è la pluripremiata con 5 Oscar (2004, 2009, 2010, 2011 e 2015), mentre tra le straniere comanda Jillian Harmon con 3 successi (2012, 2016 e 2017).
Tra gli allenatori il primo Oscar lo vinse Roberto Ricchini, che è anche il tecnico che lo ha vinto più volte (tre, nel 1996, nel 2009 e nel 2012) insieme a Nino Molino (2003, 2007 e 2015); due nella storia sono stati i coach stranieri che hanno vinto l’Oscar: lo spagnolo Miguel Mendez nel 2014 e il francese Pierre Vincent nel 2018.
L’Oscar al miglior dirigente di A1 è stato, di fatto, il primo ad essere istituito nel 1995, e la prima edizione fu vinta da quel Francesco “Ciccio” Alvisi cui oggi l’Oscar è intitolato alla memoria.
Questi ultimi due Oscar, al Tecnico e al Dirigente, da alcuni anni sono diventati per volontà dell’attuale presidente LBF, Massimo Protani, delle sculture realizzate da artisti sui temi, appunto del basket ma soprattutto della figura della donna.

Aldo Casti
Le sculture che saranno consegnate quest’anno sono state realizzate da Aldo Casti, artista che nasce a San Sperate (CA) nel 1964 e che già all’età di 19 anni frequenta un corso per scalpellini finanziato dalla comunità Europea, ideato, organizzato e coordinato dal Maestro Pinuccio Sciola.

Nel corso della sua attività, Aldo Casti ha avuto modo di partecipare a diverse mostre estemporanee di scultura, riscuotendo apprezzamenti e interesse da parte dei visitatori e dalla critica.

Le sue opere sono realizzate prevalentemente in trachite, basalto, pietra arenaria e calcare, che lavora con dedizione e passione.

Nella parte dedicata alla scultura, predilige i temi classici della mitologia. La scultura antica lo affascina e ne trae ispirazione per la creazione delle opere. Anche la scultura moderna/contemporanea è, per l’artista, un filone interessante, dove cerca la stilizzazione e la forma sinuosa.

La cerimonia di consegna degli Oscar “Donne&Basket” LBF si terrà venerdì 4 ottobre nel Salone Nervi del Parco delle Terme di Chianciano.

Questi i nominativi premiati per la serie A1:

MVP ITALIANA SERIE A1 – 2018/2019
Sabrina Cinili (Ragusa)

MVP STRANIERA SERIE A1 – 2018/2019
Sandrine Gruda (Schio)

MVP GIOVANE SERIE A1 – 2018/2019
Giulia Natali (Vigarano)

MIGLIOR ALLENATORE SERIE A1 – 2018/2019
Giovanni Recupido (Ragusa)

PREMIO “FRANCESCO ALVISI” – 2018/2019
Miglior Dirigente Serie A1
Gianluca Caraffini (Broni)

PREMIO SPECIALE “ANTONIO CONCATO” alla carriera a:
Kathrin Ress

Per quanto riguarda la serie A2 gli Oscar “Donne&Basket” sono stati assegnati per la prima volta nel 2004, e a Chianciano saranno 16 le edizioni.
Questi i nominativi premiati per la serie A2:

MVP SERIE A2 girone NORD – 2018/2019
Valentina Baldelli (Costa Masnaga)
MVP SERIE A2 girone SUD – 2018/2019
Liliana Miccio (Palermo)

MIGLIOR ALLENATORE SERIE A2 – 2018/2019
Gabriele Pirola (Costa Masnaga)

PREMIO “NATALINO CARZANIGA” – 2018/2019
Miglior Dirigente Serie A2
Alessandro Cerrato (Moncalieri)

La Serata di Gala avrà un ritmo serratissimo per lasciare spazio alle ore 22 al concerto della Rino Gaetano Band, con il nipote del grande artista Alessandro che ripercorrerà con il suo gruppo le canzoni dell’emozionante repertorio di Rino Gaetano.

Legabasketfemminile.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy